Reggio Calabria: i 50 anni di Architettura in mostra a Palazzo San Giorgio [FOTO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: i 50 anni di Architettura in mostra a Palazzo San Giorgio. La mostra ha il patrocinio morale del Comune. Saranno esposti i lavori di 8 dottorandi di ricerca e di 47 studenti sotto la guida di 20 docenti

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Presso la Galleria di Palazzo San Giorgio è stata inaugurata stamani e potrà essere visitata fino a domenica. Nel dicembre del 1967 nasceva a Reggio il Libero Istituto Universitario Statale di Architettura. Era la prima istituzione universitaria della città di Reggio Calabria. Ed eravamo all’inizio di un periodo che avrebbe segnato, nel bene e nel male, un punto di svolta nella vita civile e sociale della Regione. L’Istituto di Architettura fu il primo nucleo di quello che poi diventerà l’Ateneo reggino. Nell’ambito delle iniziative per il cinquantenario di Architettura, il Dipartimento di Architettura e Territorio (dArTe) vuole rimarcare questa ricorrenza uscendo dalle aule universitarie e trovando ospitalità nella Galleria di Palazzo San Giorgio. E lo vuol fare non celebrando la sua storia passata, bensì mostrando il suo lavoro quotidiano, il lavoro che gli studenti fanno sotto la guida dei docenti. Tutto ciò, per rinsaldare i rapporti con la città e soprattutto come atto di fiducia per il futuro. È un lavoro critico, che vuole ripensare la città e il territorio reggini. È un lavoro scientifico, al passo con la ricerca nazionale e internazionale. È un lavoro creativo, che progettando vuole immaginare nuove forme di vita e di interazione sociale. È un lavoro che travalica i confini del nostro territorio, entrando in dialogo con altri luoghi e altre forme di vita in Italia e nel mondo. È, infine, la scommessa che offriamo a quelle ragazze e a quei ragazzi che, con l’intelligenza, la memoria e la fantasia, vogliono cambiare dall’interno i luoghi in cui ci muoviamo e il modo in cui interagiamo. Per questo abbiamo preparato un tavolo da lavoro lungo quarantuno metri. La mostra è ideata e organizzata dal dArTe Dipartimento di Architettura e Territorio, Direttore Gianfranco Neri, dalla Commissione attività culturali, dal Coordinatore del corso di studi magistrale in Architettura LM-4 c.u., dai Delegati all’Orientamento e all’Internazionalizzazione, dal Dottorato di Ricerca in Architettura e Territorio in collaborazione conilProrettore all’Orientamento. L’allestimento della mostra è di Antonello Russo. Nel corso dell’inaugurazione è stato firmato un accordo di cooperazione tra il Dipartimento di Architettura e Territorio e la Ain Shams University del Cairo (Egitto), con la partecipazione della Delegata all’Internazionalizzazione del dArTe, Marina Tornatora, e dei docenti egiziani Ahmed Sami Abdelrahman Mohamed Mostafa e Mohamed Abdoh Hamed Elfayoumi . Le scuole superiori possono effettuare delle visite guidate dai docenti del dArTe, coordinate dai delegati all’Orientamento Daniele Colistra (daniele.colistra@unirc.it ) e Marinella Arena (marinella.arena@unirc.it ).