Reggio Calabria, e se dalla mobilitazione per l’Aeroporto si accendesse la “miccia” utile a risvegliare la città…

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

A Reggio Calabria il Comitato Pro-Aeroporto dello Stretto manifesta in piazza per richiamare l’attenzione delle istituzioni

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Proprio nella mattinata di oggi il Comitato Pro-Aeroporto dello Stretto si è riunito per manifestare e mobilitare la città al fine di sollecitare le istituzioni ad occuparsi in maniera concreta della situazione precaria dell’aeroporto dello stretto, situazione che crea forte disagio ai cittadini di tutta la provincia della città metropolitana. Il comitato, come ha dichiarato lo stesso presidente Fabio Putortì, aveva già in precedenza espresso le proprie richieste tramite un’istanza inviata alla Prefettura di Reggio Calabria, nella quale appunto tali richieste erano state chiaramente catalogate in diversi punti, che citavano tutte le problematiche relative alla questione dell’aeroporto. Questa istanza però non ha purtroppo avuto un riscontro e per questa ragione, con forte stimolo, convinzione e coinvolgimento, si è deciso di agire, organizzando e guidando la mobilitazione. L’evento è iniziato alle 11.00 di questa mattina, il presidente e i membri si sono ritrovati in piazza Duomo, punto di raccolta e di partenza intorno alle 10.15. Il programma della manifestazione prevedeva un corteo, lungo il corso Garibaldi, fino a Piazza Italia proprio di fronte al palazzo della Prefettura, punto di arrivo.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Come spesso accade in occasione di eventi di questo genere, purtroppo la partecipazione della città è stata scarsa e deludente, nonostante la tematica sia di interesse alla totalità della popolazione cittadina. Molto scarsa anche la presenza di esponenti della politica, che hanno forse sottovalutato la questione, ma il cui appoggio avrebbe probabilmente contribuito ad un esito diverso di questa importante iniziativa per il territorio.  Nonostante questo, grande è stata la spinta motivazionale da parte degli attivisti della mobilitazione che, una volta giunti di fronte alla Prefettura, hanno richiesto di incontrare il Prefetto per avere delle risposte scritte e non più delle promesse verbali senza seguito. Il prefetto, non essendo in sede, non ha accolto gli esponenti del comitato, che hanno però ugualmente continuato a manifestare davanti alle porte del palazzo, per dare voce ad un dissenso comune. Anche se gran parte della città è purtroppo rimasta solo una mera spettatrice dell’ennesima iniziativa per accendere una piccola “miccia” di cambiamento, c’è chi ha perseguito degli obiettivi e si ha la speranza che in un futuro questo possa avere un riscontro positivo e che sempre più cittadini partecipino attivamente.

Reggio Calabria, centinaia in piazza per l’Aeroporto dello Stretto: “senza lo scalo muore la città”. Politica indifferente, Falcomatà assente [FOTO e VIDEO]

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato