Reggio Calabria: l’associazione culturale Bene Sociale Biesse a sostegno della legalità

biesseProsegue nelle scuole reggine il progetto ”Giustizia e Umanità un Progetto per la Vita “in ricordo del Magistrato Michele Barillaro promosso e voluto dall’associazione culturale Bene Sociale Biesse Presieduta da Bruna Siviglia. Terza tappa presso l’ Istituto scolastico Convitto Nazionale Tommaso Campanella, dopo i saluti della Dirigente Scolastica Prof. ssa Francesca Arena – che si ringrazia per aver voluto ospitare l’iniziativa nel Suo Istituto – ad introdurre il Progetto sarà Bruna Siviglia Presidente della Biesse. A moderare i lavori ed a relazionare sui temi della legalità il Capo Servizi della redazione reggina  di Gazzetta del Sud, Aldo Mantineo; ad interfacciarsi con gli studenti  anche l’avv Raffaele Barillaro, papà del magistrato scomparso in circostanze ancora poco chiare.   Saranno presenti, inoltre,  la Dott. Ssa Carmela Cimino Presidente della Fondazione “Benedetta è la Vita ” con il Vice presidente della stessa Fondazione, il Notaio Costantino Nieddu Del Rio, che hanno voluto sposare questo progetto con la consegna di tre borse di studio  intitolate a Michele Barillaro.   Nel corso dell’iniziativa, che vuole essere un percorso di formazione sui temi della legalità e della giustizia, saranno consegnati dalla Biesse alla Preside dell’istituto 50 libri raccolta di poesie dal titolo “Tra cielo e Terra ” scritto da Michele Barillaro con l’obiettivo di far conoscere la storia del Magistrato Reggino, Servitore dello Stato , ai nostri    giovani affinché possano guardare a lui come esempio da seguire. Il progetto, per  altro, è in collaborazione con il Tribunale dei minori di Reggio Calabria; infatti, giovedì 15 febbraio alle ore 9.00, sarà firmato il protocollo d’intesa da Biesse e Fondazione Benedetta è la Vita con il Tribunale dei minori. Il protocollo d’intesa servirà per l’attribuzione delle borse di studio di euro 500 ciascuna per tre minori che hanno fatto un percorso di recupero (tra cui una ragazzina vittima di violenza ) ma segna anche l’inizio di una collaborazione attraverso una serie di attività volte al recupero dei minori in difficoltà. Per l’attribuzione delle  borse di studio è stata istituita all’interno dell’associazione Biesse una Commissione, presieduta dal Procuratore Ottavio Sferlazza, per l’individuazione dei tre minori a cui andranno le relative borse di studio: due saranno donate dalla Fondazione Benedetta è la Vita e una sarà donata dalla Biesse attraverso il ricavato della vendita  di cento  libri scritti dal Magistrato scomparso.  Ringrazio infinitamente, dice  Bruna Siviglia, la Fondazione Benedetta è la Vita per aver voluto sposare questo progetto , per la loro grande generosità e per il  percorso  comune intrapreso. Nel corso dell’incontro precisa ancora  Siviglia-  sara’ presente  un autorevole rappresentante delle istituzioni.