Reggio Calabria, Nursid: “situazione di sofferenza nei diversi laboratori del Grande Ospedale Metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli”

Reggio Calabria, Nursid: “situazione di sofferenza nei diversi laboratori del Grande Ospedale Metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli”

MedicsLa sigla sindacale Nursid vuole sottoporre all’attenzione della direzione Generale del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi-MelacrinoMorelli”, “la situazione di sofferenza registrata in diversi laboratori (Laboratorio di Patologia Clinica, Laboratorio di Microbiologia, etc.) causata dall’eccessivo carico di lavoro che i dipendenti nella figura di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico sono costretti a svolgere in virtù di una evidente carenza di organico che porta mensilmente a turni di lavoro “stressanti” e numeri di pronta disponibilità oltre le sei previste di norma. Tale condizione di precarietà rischia di aggravarsi ancora di più vista l’imminente diminuzione del personale in servizio causa prossimi pensionamenti. Cogliendo le segnalazioni dei dipendenti, riteniamo che tale situazione potrebbe non garantire un adeguato funzionamento in termini di efficacia ed efficienza dei vari laboratori, oltre che una conseguente esposizione del personale a rischi di vario genere. Chiediamo, al fine di assicurare un sempre migliore servizio all’utenza, di individuare una rapida modalità di assunzione del personale mancante volta ad una migliore riorganizzazione del lavoro“, conclude il sindacato.