Reggio Calabria: anche l’associazione messinese “Cuore di Drago” ha portato un po’ di magia al Castello Aragonese [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Al Castello Aragonese di Reggio Calabria, durante l’evento tenutosi questo weekend, ha partecipato anche l’associazione culturale messinese “Cuore di Drago”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

A Reggio Calabria, dentro al Castello Aragonese, si è tenuto questo weekend il già discusso evento “Incanto al Castello“. Oltre a varie personalità e associazioni reggine, vi ha partecipato anche l’associazione culturale messinese “Cuore di Drago“. L’associazione no-profit organizza nella sua sede sicula attività ludiche, sociali e ricreative. “Cuore di Drago” non è tuttavia solo giochi e divertimento, in quanto svolge spesso attività di volontariato. Durante l’evento tenutosi al Castello, i simpatici e coinvolgenti membri di questa associazione hanno dato un piccolo assaggio del gioco di ruolo dal vivo creando un dungeon nel Castello che ha riscosso grande successo. Davanti all’ingresso del dungeon, “il guercio” informava i coraggiosi avventurieri che quell’ala del Castello era stata infestata da mostri e il loro compito era quello di entrarvi armati di spada (di gommapiuma), sconfiggere i nemici, e recuperare i quattro anelli di famiglia… sempre se fossero riusciti a tornare vivi! Un’avventura per grandi e piccini: questi ultimi un po’ timorosi e spaventati all’inizio, ma che poi si sono divertiti tantissimo a sconfiggere i mostri (persone mascherate e truccate ad hoc) a colpi di spada.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Un’altra attività che ha attirato molti visitatori è stata quella del tiro con l’arco, dove chiunque poteva mettersi alla prova e cercare di centrare il bersaglio, oltre che sentirsi come un vero e proprio arciere. All’ultimo piano del Castello, l’associazione aveva organizzato delle postazioni di giochi da tavolo e di ruolo ai quali tutti potevano partecipare. Era stato allestito anche il misterioso tavolo alchemico, dove ci si poteva cimentare in un interessante esperimento. Rosario Grungo, “l’alchimista” in persona, lo ha mostrato ai microfoni di Strettoweb, raccontando anche qualcosa in più riguardo l’associazione messinese “Cuore di Drago”.