Orrore in Calabria, mistero sul ritrovamento dei 4 cadaveri in una villetta: cos’è successo ieri sera a Rende? [NOMI e DETTAGLI]

Il fratello della vittima ha dato l’allarme dopo che questa mattina l’uomo non si è presentato al negozio dove lavoravano insieme a Cosenza

carabinieri (2)E’ ancora tutta da chiarire la dinamica dell’omicidio-suicidio che a Rende ha provocato la morte di Salvatore Giordano, della moglie, Francesca Vilardi, e dei due figli della coppia, Cristiana, di 31, e Giovanni, di 26. Nella villetta in cui sono stati trovati i cadaveri abitano anche i genitori ed un fratello di Salvatore Giordano. A dare l’allarme è stato il fratello di Salvatore quando ha visto che il commerciante non si è presentato stamattina nel negozio di telefonia e strumenti musicali che i due gestivano insieme a Cosenza. L’uomo ha suonato alla porta d’ingresso dell’abitazione del fratello, senza ricevere risposte, ed ha chiamato i vigili del fuoco per fargli aprire la porta. Dopo che i vigili l’hanno sfondata sono stati trovati i quattro cadaveri, a poca distanza l’uno dall’altro. La morte dei quattro risalirebbe alla tarda serata di ieri. Non c’e’ alcuna certezza, infatti, secondo i carabinieri della Compagnia di Rende ed i magistrati della Procura di Cosenza che sono sul posto, che a sparare contro la moglie e i due figli sia stato Salvatore Giordano. L’ipotesi che sia stato Giordano a compiere la strage e’ verosimile, ma per averne la certezza si attende l’esito degli esami balistici e dello stub sui cadaveri.