‘Ndrangheta, incredibile a Reggio Calabria: dipendenti Asp condannati e ancora stipendiati, c’è anche il mandante dell’omicidio Fortugno

‘Ndrangheta, incredibile a Reggio Calabria: dipendenti Asp condannati e ancora stipendiati. Direttore generale presenta una denuncia alla Procura della Repubblica, c’è anche il mandante dell’omicidio Fortugno

Asp reggioPercepivano ancora lo stipendio dall’Azienda sanitaria di Reggio Calabria malgrado fossero condannati per reati di mafia. A scoprirlo è stata la stessa direzione generale dell’azienda sanitaria, che ha fatto scattare immediatamente la denuncia alla locale Procura della Repubblica, avviando la procedura di revoca delle retribuzioni. Tra i condannati ancora retribuiti, c’è anche Alessandro Marcianò, l’ex caposala dell’ospedale di Locri, condannato definitivamente all’ergastolo come il mandante dell’omicidio dell’ex presidente del Consiglio regionale Francesco Fortugno, ucciso a Locri il 16 ottobre del 2005. “Sarà necessario ricostruire l’iter di tutte le procedure, – ha spiegato il direttore generale della Asp Giacomino Brancati – anche per scoprire se qualcuno era al corrente della situazione all’interno dell’Azienda e ha taciuto, se esistono connivenze che hanno coperto tale situazione”.

(AdnKronos)