fbpx

Milazzo, lavoratori fuori dai cancelli della Raffineria. Fismic Confsal: “Pronti a chiedere l’intervento della Regione”

Fismic Confsal: “è inconcepibile l’indifferenza della Direzione Raffineria di Milazzo di fronte a questioni che vogliono  mettere a rischio i posti di lavoro”

fumo raffineria milazzo“Ancora una volta all’interno dell’area Raffineria di Milazzo si tenta di mettere in discussione glia accordi d’Area  a tutela dei lavoratori”-è quanto scrive la Fismic Confsal in merito all’episodio di due giorni fa in cui ai lavoratori è stato impedito l’ingresso in cantiere.  “Tale atto- si legge nella nota– pregiudica un grave atteggiamento da parte della società,  che fino a venerdì ha avuto i lavoratori a disposizione. Pertanto urge un Vs. immediato intervento, al fine di evitare l’attivazione di azioni a tutela dei lavoratori.: Dopo settimane di trattative, la IRTIS SRL, subentrata nell’appalto all’interno dell’ Indotto Raffineria di Milazzo alla Maiorana Costruzioni s.r.l., sta mettendo a rischio i posti di lavoro con atteggiamenti gravissimi (come la chiusura dei cancelli del cantiere ai lavoratori). Dopo aver scritto alla Direzione Raffineria di Milazzo, nella qualità di committente e responsabile di ciò che accade all’interno dell’indotto, siamo pronti ad incentivare le azioni di lotta e chiedere un intervento del governo regionale a salvaguardia dei posti di lavoro. Per noi– si legge nel comunicato-  è inconcepibile l’indifferenza della Direzione Raffineria di Milazzo di fronte a questioni che vogliono  mettere a rischio i posti di lavoro.