Messina, il collettivo studenti Unime scende in piazza per dire no al razzismo

Domani a Messina il corteo del collettivo studenti Unime contro le violenze xenofobe e di stampo neofascista  

università messinaI recenti fatti di Macerata hanno reso evidente come i sentimenti xenofobi e neofascisti siano sempre più radicati in alcune frange della società. Quanto avvenuto non rappresenta di certo una novità, viste le continue aggressioni contro migranti e centri di accoglienza verificatesi con frequenza sempre maggiore negli ultimi mesi, anzi rischia di rappresentare la base per lo sviluppo di ulteriori tensioni e violenze future. Si sta andando a creare una spaccatura sociale che rischia di divenire insanabile, le cui cause per le forze politiche di destra sono da ricercare nel fenomeno migratorio in atto. Noi crediamo invece che queste si possano ricercare nelle politiche di austerity con le quali l’establishment politico – economico ha causato un impoverimento della classe lavoratrice, così che si è iniziato a intendere lo straniero come il nemico da combattere”. È quanto dichiara in una nota il collettivo Studenti Indipendenti UNIME che, “facendo appello alla sensibilità di tutte le realtà sociali, politiche e dell’associazionismo messinese che ogni giorno si impegnano per una società più equa senza razzismi e fascismi“, sabato 10 febbraio si mobiliterà organizzando un presidio alle 15.30 presso piazza Unione Europea (Municipio). “noi abbiamo deciso di attivarci per rendere umana solidarietà alle vittime di attacchi razzisti e xenofobi, le quali rappresentano non una minaccia ma persone con dignità umana e risorse per il nostro paese L’obiettivo che ci poniamo- concludono- è che questo possa essere il primo passo verso la creazione di una piattaforma di rete per discutere insieme quali possano essere gli strumenti d’informazione e le attività educative e gli strumenti legislativi attraverso cui contrastare il riemergere dei fascismi”.

 

.