La Uiltec calabrese rinnova i suoi quadri

UiltecMartedì 20 febbraio 2018, i delegati calabresi della UILTEC provvederanno a rinnovare i propri organismi sindacali a Pellaro (Reggio Calabria), alla presenza del Segretario Generale Nazionale Paolo Pirani, del Segretario Regionale UIL Santo Biondo e dei membri della Segretaria Nazionale UILTEC Massimiliano Placido e Mauro Sasso. A presiedere l’importante congresso, unitamente ai massimi rappresentanti nazionali e regionali, sarà il referente territoriale della UILTEC reggina Salvatore Consolato Arena. La relazione sarà a cura del Segretario Generale uscente Gino Campana che porrà l’accento sulle mancate occasioni di lavoro in Regione, uno dei temi più importanti nella società civile calabrese. Il Segretario nella sua relazione affronterà ogni problematica di interesse specifico della UILTEC. Parlerà di Energia, Chimica, Acqua, Gas, Tessili. Per ognuno di questi temi porrà motivi di riflessione ed anche di denuncia per ciò che la classe politica poteva fare e non ha fatto, per cercare di ridurre la grave crisi occupazionale esistente in Calabria. “Il 16 novembre dello scorso anno abbiamo manifestato davanti alla cittadella regionale per chiedere alla giunta ed al presidente Oliverio un cambio di passo – dichiara il Segretario Campana. A distanza di tre mesi non abbiamo rilevato nessuna differenza col passato. Abbiamo invece visto che, dopo tre anni di mandato, è stato esautorato uno degli assessori della giunta calabrese, come se le uniche responsabilità di questi ritardi si dovessero ricercare nel suo operato e non invece in una confusione assoluta che regna nel palazzo della politica locale. È dall’inizio del mandato che aspettiamo un riordino del ciclo integrato delle acque, ma varata la legge, ancora non si comprende come e con chi si organizzerà il tutto – continua Campana. Il Sindacato, quello confederale e quello di categoria, continuerà nella propria azione di pungolo, stimolo e di lotta affinché in questo ultimo anno di mandato finalmente si veda un cambio di passo vero per ridare fiducia ai tanti giovani che sono costretti a cercare il lavoro, un loro diritto, lontano da casa – conclude il segretario della UILTEC calabrese”.