fbpx

Hines: student housing, 85 mln per primo campus vicino Bocconi a Milano

Milano, 26 feb. (AdnKronos) – In arrivo il primo student housing di impronta anglosassone a Milano. Hines, uno dei principali player nel real estate, dà il via al primo di una serie di investimenti nel segmento degli studentati a beneficio delle principali città universitarie italiane, a partire da Milano, Roma, Firenze e Venezia. La prima destinazione è vicino all’Università Bocconi a Milano: attraverso un investimento complessivo di 85 milioni di euro – 35 per l’acquisizione del sito e 50 per la valorizzazione dell’area -, il campus garantirà un posto letto per 600 studenti oltre che una serie di spazi e di servizi moderni tipicamente di matrice anglosassone introdotte per la prima volta in Italia: aree comuni, biblioteca, sala cinema, palestra e piscina.
L’intero progetto verrà gestito direttamente da Hines attraverso Aparto, la propria società di gestione che attualmente gestisce 3600 posti letto in Regno Unito e Irlanda e che ne sta realizzando altri 1400 nel resto d’Europa. A 5 minuti di distanza a piedi dall’Università – all’angolo tra Via Giovenale e Via Col Moschin -, il campus offrirà oltre alle camere per studenti anche una soluzione di ‘microliving’: miniappartamenti e camere destinati ai giovani professionisti che hanno necessità di restare in città per lavoro per periodi brevi. I lavori di realizzazione della nuova area inizieranno nel 2018 e dovrebbero concludersi entro la fine del 2020. La progettazione del sito è stata effettuata dallo studio inglese Carmody Groarke in collaborazione con Calzoni Architetti. Nell’operazione Hines è stata affiancata da Belvedere Inzaghi & Partners e Grimaldi Lex per gli aspetti legali.
“Siamo estremamente soddisfatti dell’operazione appena conclusa – commenta Mario Abbadessa, country head di Hines Italia – che conferma il focus di Hines in Italia e nello specifico sullo student housing e su tutti quei settori di residenziale alternative dove si riscontra un maggiore gap tra la domanda e l’offerta, in termini di alloggio ma anche e soprattutto di qualità, sostenibilità e flessibilità. Il nostro obiettivo è di offrire soluzioni innovative che rispondano alle diverse esigenze degli studenti, degli stranieri e dei giovani professionisti. In due anni contiamo di investire circa 500 milioni di euro nelle principali città universitarie e, nel lungo periodo, di creare in Italia 5000 posti letto”.

Adnkronos