fbpx

Elezioni: Bonafede (M5s), su nostri nomi no mercato vacche, non trattiamo

Roma, 27 feb. (AdnKronos) – “Per noi c’è solo un governo a guida 5 Stelle. Pronti a ragionare di programma ma vogliamo essere noi a dare le carte: niente mercato delle vacche sui nomi”. Lo afferma in un’intervista a Repubblica Alfonso Bonafede, deputato del M5S, che assicura che il Movimento non parteciperà a governi “pastrocchio”. E “se saremo primi – aggiunge – chiederemo al presidente Mattarella l’incarico per proporre una soluzione di governo al Paese”.
“Non mi interessa il ragionamento ‘io metto i miei un altro mette i suoi’ – spiega Bonafede – Noi presentiamo profili su cui si può convergere: il generale Costa ad esempio ha dedicato la vita alla lotta alla criminalità e alla difesa dell’ambiente. Confrontiamoci sugli argomenti non sui nomi”. Alla domanda se i Cinquestelle sono pronti a collaborare con il centrodestra o il centrosinistra nel caso non abbiano l’incarico da Mattarella, “vogliamo essere noi a dare le carte – replica convinto – Non ci fidiamo di nessuno. Chiederemo alle forze politiche di stilare un contratto sul programma con punti precisi”, “siamo pronti – aggiunge – ad accoglierne altri. C’e’ un tema di sicurezza ad esempio: l’Italia è un Paese insicuro e Firenze dove sono candidato lo e’ altrettanto. Io propongo la certezza della pena. Il Pd fin qui ha fatto solo svuotacarceri. Io dico: riformiamo la prescrizione”.
Ragiona da ministro in pectore della giustizia della squadra di Di Maio? “Non partecipo al toto ministri”, afferma mentre sul caso Caiata fa sapere: “Non avevo segnalazioni documentate. Avrei dovuto dire ai potentini di tenerlo fuori sulla base di dicerie?”.

Adnkronos