fbpx

Bova (Rc), la “chora” riattiva lo sportello linguistico

foto (81)Nel Borgo grecofono di Bova, uno dei più belli d’Italia e insignito dal Ministero per il Turismo Comune “Gioiello d’Italia”, è ripresa,nei primi giorni di febbraio, l’attività dello Sportello linguistico nell’ambito del progetto per la valorizzazione della lingua e della cultura dei Greci di Calabria, realizzato ai sensi della Legge 482/99, recante le norme di tutela delle minoranze linguistiche e storiche. Attraverso tale progetto, denominato “Mythos” e realizzato dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria,sono stati istituiti quattro sportelli linguistici nei comuni di Bova,Condofuri, Roccaforte del Greco e Roghudi, dove gli sportellisti assegnati svolgeranno attività di valorizzazione e promozione della cultura greca di Calabria. La Città di Bova, capitale culturale civile e morale dei Greci di Calabria, dove ancora oggi si parla l’antica lingua del poeta Omero, riscoperta dal glottologo tedesco Gerhard Rohlfs, che ha dedicato gran parte della sua vita a viaggi studio nei paesi della Calabria greca, ha assegnato come sede per tale attività il Museo della Lingua Greco Calabra, dove lo sportellista incaricato possa,attraverso studi,ricerche e attività di collaborazione anche con lo stesso Comune, valorizzare il patrimonio linguistico e culturale dei Greci di Calabria. Tale attività lo vedrà impegnato soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, in quanto l’antico borgo di Bova è sempre più meta del turismo scolastico e di turisti appassionati di storia,cultura e antiche tradizioni.

O Vùa, i “Chòra”, vàddhi chèri metapàle stin Thirìda Glossikì

Sto palèo chorìo grecòfono tu Vùa, èna an ta plen pìzila chorìa tis Italìa, ti to Ipurghío jà to Turìsmo tu èduke to ònoma “Gioiello d’Italia”, accheròasi metapàle, stes protinè mère tu flevarìu, i dulìe tis thirìda glossikì, jà cìno pu nghìzi to schèdiojà na zìusi ce na pàusi ambrò i glòssa ce i cultùra ton Grèco tis Calavrìa, ghenamèno pos lèghi o Nòmo 482/1999, ti fèrri tus canònesjá na sicosìusi i mionòtìteglossikè ce storike”. Me tùndo schèdio, crammèno “Mythos” ce ghenamèno an tin Mitropolitikì Chòra tu Righìu, anìttissa tèssere thirìde glossikè stus dìmu tu Vùa, tu Condochurìu, tu Vunìu ce tu Richudìu, pu pasaèna thèma tis thirìda cànni dulìe jà na tis dòi chrisìa ce na stìli ambrò tin cultùra grèca tis Calavrìa. I Chòra tu Vùa, i pròti ce plen epifània chòra tis cultùra ton Grèco tis Calavrìa, pu acomì sìmero i christianì platègusi ecìndin palèa glòssa ti eplàteggue o Omìro, aposcepamèni metapàle an ton glossologo ghermanikò Gerhard Rohlfs, o pìos epèrae parapoddhì kerò tis dikìtu zoì cànnonda porpatìmata’zze melètima sta chorìa tis Calavrìa grèca, èduke pòse merìa jà tùndin dulìa to Musìo tis Glòssa Grèca tis Calavrìa, pu to thèma tis thirìda, cànnonda meletìmata, jirèmata ce dulìe ’zze afùdima ciòla me to ìdio Dimarchìo tu Vùa, sònni afudì to fùscoma ce to charàcoma tis plusìa ’zze glòssa ce ’zzecultùraton Grèco tis Calavrìa. Tùto pròstamma èchi na to càmi jà to plen poddhì stin ànisci ce sto calocèri, jatì ène pànda plen poddhì ta pedìa tis scòla ce i zzèni pu meletùsime agapisìa tin stòria, tin cultùra ce tes palèe paradòsis ti èrchonde na ìvrusi to palèo chorìo tu Vùa.