Asp Messina, rideterminato il Piano Triennale del fabbisogno. Calapai: “Ecco cosa vuol dire fare sindacato”

Rideterminato dall’Asp di Messina il Piano Triennale del fabbisogno. Pippo Calapai: “Ecco cosa vuol dire fare veramente sindacato”

asp messinaA seguito dellacondanna del Giudice del Lavoro dello scorso 8 gennaio 2018 la UIL-FPL di Messina con l’avv. Oreste Puglisi e l’ASP Messina con l’avv. Giancarlo Niuttahanno sottoscritto l’accordo transattivo che, chiudendo la fase giudiziale, ha dato nuovo slancio alle possibilità assunzionali dell’Azienda sanitaria la quale, nella conseguente fase del confronto, ha accolto quasi integralmente le richieste del sindacato riconoscendo pari opportunità ed eguale tutela dei propri diritti a tutte le categorie dei lavoratori interessati dai processi occupazionali. Per il Segretario Generale della UIL-FPL di Messina Giuseppe Calapai: “E’ stato ottenuto un risultato di grande pregio attraverso una battaglia condotta con ogni mezzo e su tutti  i fronti, tanto in sede giudiziale, quanto, successivamente al tavolo delle trattative, al quale laUIL-FPL ha potuto sede con autorevolezza ed in una posizione di concreta forza contrattuale   scaturente, per l’appunto,dalla precedente condanna del Giudice del Lavoro che aveva ritenuto antisindacale e, quindi, da disapplicare la deliberazione n° 1883/DG del30/06/2017”. Con il verbale di accordo sottoscritto il 1 febbraio 2018 la UIL-FPL ha ottenuto l’inserimento nella prossima programmazione assunzionale (che l’ASP Messina ha già adottato) oltre alla riqualificazione degli OTA e degli ausiliari mediante mobilità verticale, anchel’avvio del reclutamento di ben 47 nuovi OSS dall’esterno, mentre è stato confermato il reclutamento dei farmacisti e delle altre figure professionaliqualificate delle quali lo stesso sindacato, in precedenza aveva segnalato situazioni di carenza territoriale. Grazie all’intervento della UIL-FPL, oggi anchel’ASP Messina, come in precedenza, sempre su sollecitazione del sindacato,aveva già fatto l’IRCSS-Neurolesi, applicherà direttamente il Decreto Madia nonsolo per le stabilizzazioni ma anche ai fini delle riqualificazioni del personale interno nelle percentuali del 20% del budget assunzionale complessivamente a disposizione. “Con grande soddisfazione – conclude Pippo Calapai- possiamo oggi affermare, quindi, di aver mantenuto tutte le nostre promesse e di aver dato concretezza al nostro impegno in favore dei lavoratori e dei precari dell’Azienda Sanitaria; – siamo stati strenuamente e con coraggio al fianco dei lavoratori, senza mai retrocedere e conducendo una battaglia aspra con la parte datoriale ma che si è definita con un accordo fruttuoso e con esito lusinghiero per tutti quelli che a Messina aspettavano da tempo la concreta realizzazione delle loro aspettative occupazionali”.