Verdi: “grande coalizione? Non staremo con chi ha in programma il Ponte sullo Stretto”

Bonelli (Verdi): “grande coalizione? Noi non possiamo stare, e non staremo, in una maggioranza che pensi che il Ponte sullo Stretto sia una priorità”

ponte-stretto-21“Parlare di grande coalizione in Italia? Tutto si puo’ valutare, sulla base dei programmi, dei contenuti. Certo questa legge elettorale non aiuta molto a costruire maggioranze stabili. A maggior ragione sarebbe importante che il centro sinistra fosse unito“. Lo ha detto stamani a Roma il presidente nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, a margine di una flash mob davanti a Montecitorio per presentare il programma del partito sulla plastica. “Se il programma sara’ quello di continuare su di una politica energetica basata sul petrolio e sul carbone – ha continuato Bonelli - o sul fatto che le nostre citta’ devono continuare a rimanere congestionate e ad avvelenare i polmoni dei cittadini con i motori benzina e diesel, oppure che non ci possa essere un’agricoltura di qualita’ libera da veleni come il glifosato, o si vorràcontinuare a parlare di Ponte sullo Stretto di Messina, allora la pattuglia dei Verdi sara’ fieramente e orgogliosamente all’opposizione”. “Noi non possiamo stare, e non staremo, in una maggioranza che pensi che il Ponte sullo Stretto sia una priorità - ha detto Bonelli -. Noi vorremmo sostenere una maggioranza che pensi che la priorità sia fare ferrovie per i pendolari, portare la depurazione, rilanciare l’agricoltura di qualita’, adottare una politica energetica 100 per 100 rinnovabili, decongestionare le nostre citta’ dal traffico”. Per Bonelli “la Sicilia ha bisogno che 8-10 miliardi di euro siano destinati a far si’ che da Palermo ad Agrigento non ci si impieghino ore e ore. Bisogna fare investimenti infrastrutturali, ci sono famiglie che non hanno ancora l’acqua potabile, o che scaricano le fogne in mare”.