Reggio Calabria, uomo carbonizzato ad Arghillà: è stato un efferato omicidio, giovane arrestato per “pericolo di fuga” [NOME, FOTO e DETTAGLI]

  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
/

Reggio Calabria: sottoposto a fermo di indiziato di delitto, con l’accusa di omicidio aggravato, Bevilacqua Enzo classe 1980, pregiudicato del luogo

auto carbonizzata modenelleA conclusione delle prime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria sull’omicidio Antonino Barresi, classe 1948, pensionato di Villa San Giovanni (RC), ritrovato carbonizzato Sabato 13 gennaio nel rione Modenelle di Arghillà, la Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, nel corso di questa notte, ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto, con l’accusa di omicidio aggravato, Enzo Bevilacqua, classe 1980, pregiudicato del luogo.

Il quadro indiziario in base al quale è stato eseguito dalla P.G. operante il fermo di indiziato di delitto, sul presupposto del pericolo di fuga, sarà posto dalla Procura della Repubblica al vaglio del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria, per le determinazioni di competenza in ordine alla convalida.