Reggio Calabria, Morabito: “orgoglioso del successo dello studio Aps, ecco quali riconoscimenti abbiamo ottenuto” [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
  • Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
    Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
/

Grandi riconoscimenti e successi per lo studio Aps, spin-off dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria

morabito aps studio

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Il prof. Valerio Morabito ha spiegato ai microfoni di StrettoWeb il successo e l’attività dello studio Aps, spin-off dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. “APS è un’idea che arriva insieme al prof. Martino Milardi, all’arch. Condurso e all’arch. Debora Gallina, che è l’amministratore delegato della società. E’ uno spin-off universitario perchè l’università è uno dei soci. Lo studio nasce con l’idea di mettere insieme diverse competenze, quali: l’architettura del paesaggio, l’architettura della trasformazione della città e l’architettura eco-sostenibile della città smart. Iniziamo realmente l’attività nel 2013/2014 e abbiamo ricevuto una serie di riconoscimenti importanti che oggi ci fanno dire che la società ha una sua strutturazione e realtà. Ultimamente abbiamo vinto uno dei primi premi del concorso “Scuole Innovative” bandito dal MIUR e che segue la legge della buona scuola. Il concorso è stato bandito in tutta Italia per progettare una scuola innovativa. Hanno partecipato oltre 1200 gruppi, 3-4 mila architetti e altri professionisti. Ed è stato vinto uno dei primi premi in Sicilia, nel comune di Floridia. Inoltre, siamo stati selezionati per la seconda fase di un importante concorso in Spagna. E’ un progetto di che prevede la realizzazione di un lungomare che prende in considerazione 30 km di costa. Fin dall’inizio ci siamo posti l’obiettivo di non legarci solo al nostro territorio, ma che il nostro territorio potesse esprimere le proprie capacità mettendoci in gioco in Italia e all’estero“, conclude il professore.