Maxi controlli dei carabinieri nel cosentino, un arresto

carabinieri seraNel pomeriggio di ieri, nell’ambito del piano straordinario di controllo del territorio disposto dal Comando Provinciale di Cosenza, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rende, con l’ausilio dei militari della Compagnia Carabinieri di Cosenza, traevano in arresto, per il reato di “Detenzione abusiva di arma clandestina” un 42enne cosentino e denunciavano in stato di libertà, per il medesimo reato, la madre, una 62enne cosentina. Più nello specifico, i militari, in Rende, sulla SS 107, all’altezza di contrada Santo Stefano, notavano un veicolo che, alla vista degli operanti, effettuava una repentina e pericolosissima inversione a “u” nel bel mezzo della superstrada. Pertanto i militari iniziavano un inseguimento che si concludeva pochi chilometri dopo, grazie anche al tempestivo intervento dei militari della Compagnia di Cosenza, accorsi in ausilio. Durante la perquisizione personale e veicolare veniva rinvenuta, occultata in un borsone posto sul sedile posteriore dell’autovettura, una pistola beretta cal. 9, avente matricola abrasa, con il colpo in canna e completa di caricatore contenente 5 cartucce, tutto sottoposto a sequestro. L’arrestato, concluse le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Cosenza.