A Reggio Calabria illustrato il Calendario CITES 2018 del Comando Unità per la Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare dell’Arma dei Carabinieri [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: “un mondo che cambia-A Changing World” è lo slogan del calendario, volto a testimoniare i mutamenti del Pianeta anche a causa dello sfruttamento intensivo delle risorse terrestri da parte dell’uomo, che altera gli habitat contribuendo all’estinzione di molte specie animali e vegetali

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Stamani presso la sede del Comando Regione Carabinieri Forestale “CALABRIA” di Via dei Bianchi, 2 in Reggio Calabria, alla presenza  del Colonnello Giorgio Maria Borrelli, Comandante il Reparto in intestazione, è stato illustrato il Calendario CITES 2018 del Comando Unità per la Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare (CUTFAA) dell’Arma dei Carabinieri.  ”Un mondo che cambia-A Changing World” è lo slogan del calendario, volto a testimoniare i mutamenti del Pianeta anche a causa dello sfruttamento intensivo delle risorse terrestri da parte dell’uomo, che altera gli habitat contribuendo all’estinzione di molte specie animali e vegetali. Il 2018 sarà accompagnato da 12 pagine che, attirando la vista al senso del bello, dell’indisponibile, del protetto, imprimono nella memoria immagini degli abitanti della natura che fanno fatica a riprodursi e a sopravvivere a se stessi poiché l’uomo, nel tempo, ha tratto molto profitto dalla cattura e dalla vendita di questa parte di popolazione che oggi conta oltre 35.000 specie. Un elefante dai contorni che  sbiadiscono, simbolo della piaga del bracconaggio che ogni anno in Africa uccide 20mila esemplari, è l’immagine della copertina del calendario fotografico Cites 2018 dei Carabinieri Forestali che da due anni affianca il Calendario storico dell’Arma. Oltre all’elefante, nei 12 mesi il calendario ritrae specie simbolo quali il gorilla, la tigre e il leopardo, tutte minacciate dal traffico illegale. E ancora la lince, il lupo e l’orso, l’aquila, il delfino e il coccodrillo, l’orchidea e l’afrormosia, un albero a rischio estinzione da cui si ricava legno pregiato.  ”Il calendario è un veicolo per diffondere il rispetto e l’amore per gli animali e la flora, in particolare tra i giovani”, ha detto il comandante generale dell’Arma dei carabinieri, Tullio del Sette, durante la presentazione del Calendario CITES 2018, il 15 dicembre presso la Caserma Salvo D’Acquisto.  Rispetto alle 7.500 copie del 2017, quest’anno ne verranno stampate 25mila e si conta di stamparne altre 50mila, da diffondere soprattutto nelle scuole. Ogni pagina del Calendario 2018 CITES contiene inoltre altri inserti che si riferiscono alle più importanti Associazioni ambientalistiche italiane impegnate nella salvaguardia della natura. Sono state illustrate anche le attività antibracconaggio ed i controlli venatori effettuati nel 2017 con particolare attenzione alle due operazioni nell’area dello Stretto.

OPERAZIONE ADORNO
Si svolge sullo Stretto di Messina nel periodo primaverile a contrasto del bracconaggio nei confronti di rapaci diurni, che vengono illegalmente abbattuti nella fase migratoria. Sono state deferite all’A.G. n. 20 persone, con n. 3 arresti, e sequestrati n. 2 armi da fuoco di cui 1 con matricola abrasa. Sono state elevate 15 sanzioni amministrative per un importo di €4.476,00. Complessivamente sono stati svolti 492 controlli, 600 persone controllate. L’attività ha coinvolto 50 militari per un totale di 150 servizi.

OPERAZIONE ADORNO-RITORNO
Si svolge sullo Stretto di Messina nel periodo autunnale a contrasto del bracconaggio nei confrontindi rapaci diurni abbattuti mentre nella fase migratoria utilizzano le correnti ascensionali (termiche). Sono state deferite all’A.G. n. 14 persone ed è stato operato 1 arresto. N. 9 armi da fuoco sequestrate e numerosi richiami acustici elettromagnetici. Sono state sanzionate 6 persone per illeciti amministrativi per un importo di € 5.000,00. L’attività ha prodotto 60 controlli e 42 persone controllate.

A Reggio Calabria illustrato il Calendario CITES 2018, INTERVISTA al Colonnello Giorgio Maria Borrelli [VIDEO]