fbpx

Reggio Calabria, rapina in casa di un’anziana: pene ridotte per i due georgiani perchè “non ci furono lesioni personali ne’ resistenza a pubblico ufficiale”

I due georgiani erano stati condannati presso il Tribunale di Reggio Calabria

tribunaleDue georgiani erano stati condannati dal GUP presso il Tribunale di Reggio Calabria alla pena di anni 4 e mesi 8 di reclusione per i reati di tentata rapina impropria, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. La Corte di Appello di Reggio Calabria (Pres. Giacobello, a latere Di Landro e Pantano ) che ha esaminato gli appelli proposti dai rispettivi difensori (avv. Attilio Parrelli ed Avv. Antonino Priolo) ha modificato la decisione di primo grado. In particolare, Martirosyan Artur, pregiudicato, difeso dall’Avv. Attilio Parrelli, è stato assolto dai reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali (capi b e c) e la sua pena è stata ridotta ad anni 3 e mesi 4 di reclusione, con uno sconto di un anno e sei mesi rispetto alla condanna in primo grado, mentre per ROKHVADZE Gocha (avv. Priolo), la pena è stata ridotta ad anni 3 e mesi 10 di reclusione. Sostanzialmente, la Corte di Appello, pur confermando la colpevolezza dei due per il tentativo di rapina, ha riconosciuto le ragioni esposte dall’avv. Attilio Parrelli in difesa del Martirosyan, escludendo che costui avesse anche infierito nei confronti dei due poliziotti intervenuti, che avevano riportato lesioni personali guaribili in giorni 7 ciascuno. L’assoluzione per gli ulteriori due reati ha prodotto la sensibile riduzione di pena. La stessa Corte ha poi accolto il motivo, comune ad entrambe le difese, sulla eccessività della pena inflitta dal GUP, determinando una pena inferiore anche per la rapina.