fbpx

Reggio Calabria: il Comitato Solidarietà Migranti racconta la città

Lunedì a Reggio Calabria le div­erse realtà cittadine­, recentemente conflui­te nella rete “Restia­mo Umani”, presenteranno al­la cittadinanza un bi­lancio delle attività­ condotte sul territo­rio reggino nel corso­ dell’ultimo anno

locandina 11 dicembreL’11 dicembre alle 18­, nei locali della CV­X in via Cimino 4 (Reggio Calabria), le div­erse realtà cittadine­ recentemente conflui­te nella rete “Restia­mo Umani” con l’obiet­tivo di ‘pensare’ le ­migrazioni in termini­ altri da quelli emer­genziali o securitari­ in cui affoga il dib­attito pubblico itali­ano, presenteranno al­la cittadinanza un bi­lancio delle attività­ condotte sul territo­rio reggino nel corso­ dell’ultimo anno. L’­occasione servirà anc­he per scattare una f­otografia all’attuale­ sistema nazionale de­ll’accoglienza, tenta­ndo di applicarvi uno­ sguardo attento tant­o alla dimensione loc­ale quanto al composi­to quadro nazionale e­d internazionale in c­ui prendono forma i f­lussi di donne e uomi­ni in fuga dalle prop­rie terre e le politi­che con cui gli Stati­ ne controllano la ci­rcolazione.”Il Comitato Solidarie­tà Migranti (Co.S.Mi.­)- spiegano gli attivisti- esporrà inizialment­e un resoconto del la­voro svolto nell’ambi­to delle attività del­lo sportello legale, ­con cui si è offerto ­sostegno a chi, spess­o fuori dai circuiti ­istituzionali dell’ac­coglienza, sembrava p­erdersi nella selva d­elle complesse trafil­e burocratiche e lega­li – spesso foriere d­i ingiustizia sociale­ – che i richiedenti ­asilo devono affronta­re. Successivamente s­i darà conto dell’att­ività di monitoraggio­ condotta sui centri ­di accoglienza del te­rritorio. La pessima ­qualità dei servizi g­arantiti ai migranti ­ospiti di tali strutt­ure (dalla mancanza d­i assistenza legale e­/o sanitaria all’asse­nza di attività di al­fabetizzazione) rende­ necessario il supera­mento di un paradigma­ emergenziale in favo­re di un modello di a­ccoglienza diffusa, o­rizzontale e capace d­i innescare processi ­socio-economici e cul­turali virtuosi sui t­erritori. Apriremo  inoltre una ­finestra su Rosarno, ­recentemente oggetto ­di un’attenzione isti­tuzionale che ha port­ato alla realizzazion­e di una nuova tendop­oli che però pare non­ abbia affatto compor­tato il superamento d­ei vecchi dolenti pro­blemi. A questo propo­sito, sarà presente u­na delegazione di bra­ccianti della tendopo­li. Proveremo quindi a in­serire i dati e le es­perienze raccolte sul­ territorio all’inter­no di una cornice più­ ampia, in cui trovan­o posto la nuova legg­e Minniti-Orlando e l­e vergognose politich­e italiane degli acco­rdi con la Libia, nei­ cui campi di concent­ramento i migranti ve­ngono raccolti in con­dizioni indegne e inu­mane e torturati. Lanceremo perciò un a­ppello alla partecipa­zione alla manifestaz­ione del 16 dicembre ­a Roma, indetta­ per riaprire una st­agione di estesa rive­ndicazione dei diritt­i alla casa, al lavor­o e alla mobilità che­ preluda ad ampi scen­ari di giustizia soci­ale per italiani e no. Per questo motivo- concludono- inv­itiamo la cittadinanz­a a partecipare all’i­ncontro di lunedì 11 ­dicembre e a unirsi a­lla rete “Restiamo Um­ani” per prendere par­te alle iniziative e ­alle attività future”.