fbpx

Precari, Cgil e Fp Cgil diffidano il Comune di Messina

Assunzione precari, la CGIL e la FP CGFCGIL  diffidano il Comune di Messina

palazzo zanca messina (2)La CGIL e la FPCGIL, per tramite i loro legali, hanno inviato al Direttore Generale Antonio Le Donne  e al Dirigente alle risorse umane Dr.ssa Carrara, un nuovo atto di diffida,  intimando al Comune il riconoscimento di alcuni istituti che sono stati ritrattati a seguito di assunzione dei precari con contratto di lavoro a tempo indeterminato.  “I lavoratori hanno dovuto subire un vero e proprio “demansionamento” sono stati illegittimamente inquadrati a tempo indeterminato nella inferiore categoria B/1, con conseguenti e facilmente intuibili disagi e ripercussioni sulla loro retribuzione. A quanto sopra si deve anche aggiungere lo spettante pagamento delle somme dovute a titolo di salario accessorio, e finora inspiegabilmente ancora non corrisposte, così come risulta non corrisposto il dovuto pagamento del trattamento di fine rapporto, relativo ai precedenti contratti di lavoro stipulati fino alla data di stabilizzazione, nonché il pagamento delle ferie, residuate ad ogni singolo richiedente fino alla stipula del contratto di lavoro a tempo indeterminato.Nonostante i lavoratori interessati abbiano già notificato degli atti stragiudiziali, il riscontro dato dal Dirigente comunale pro tempore ai suddetti atti stragiudiziali è risultato oltremodo lacunoso, non soddisfacente, ed ampiamente immotivato nel diniego sostanziale a tutte le richieste avanzate dai lavoratori-dichiarano Clara Crocé Segretaria Confederale e Francesco Fucile Segretario Generale della FPCGIL- il Comune di Messina è rimasto praticamente silente, per lungo tempo, rispetto al riconoscimento dei  diritti violati dei dipendenti. In assenza di risposte entro il termine di 10 giorni  saranno intraprese le idonee azioni giudiziarie nelle competenti sedi, senza ulteriore avviso, per ottenere il soddisfacimento delle loro legittime e dovute spettanze, con inevitabile consistente aggravio di spese a carico delle casse comunali”.