Premio “Bronzi di Riace”: a Lamezia Terme l’associazione Terzo Millennio tra le pluripremiate

  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
  • Photo GibaMuvis
    Photo GibaMuvis
/

Miglior regia, miglior scenografia e migliori costumi: l’associazione Terzo Millennio di Sant’Eufemia d’Aspromonte ha portato a casa tre prestigiosi trofei

terzo m3Miglior regia, miglior scenografia e migliori costumi. L’associazione Terzo Millennio di Sant’Eufemia d’Aspromonte ha portato a casa tre prestigiosi trofei e tanta soddisfazione. La terza edizione del Premio “Bronzi di Riace” che si è conclusa ieri, infatti, ha visto i membri dell’ass0ciazione di Sant’Eufemia d’Aspromonte tra i premiati grazie al loro spettacolo “I promessi sposi”, del quale vi avevamo già parlato qualche mese fa  in occasione della prima (Grazie al Terzo Millennio “I promessi sposi” conquistano il pubblico: a Sant’Eufemia d’Aspromonte uno spettacolo magistrale). Il concorso, organizzato dalla FITA Calabria (Federazione Italiana teatro amatoriale) in collaborazione con Regione Calabria e associazione “I Vacantusi”, vede la partecipazione delle migliori compagnie teatrali, selezionate da un’apposita giuria. Le compagnie ‘esaminate’ sono state dunque 14, ma l’intera serata è stata ‘onorata’ proprio dallo spettacolo portato in scena dal Terzo Millennio. L’associazione eufemiese aveva interpretato “I promessi sposi” già la scorsa estate, in piazza municipio a Sant’Eufemia, e poi al teatro Cilea di Reggio Calabria.

La soddisfazione e l’emozione per la vittoria, tra i membri dell’associazione come tra i cittadini di Sant’Eufemia, è stata tanta. Anche perché si tratta di una realtà molto attiva sul territorio che è stata in grado di creare spazi e momenti di aggregazione nuovi, all’interno di una comunità che per vedere spettacoli di un certo spessore non ha più bisogno di andare troppo lontano. I premi di ieri sono stati solo l’ennesima conferma dell’impegno e dei risultati eccellenti che questo gruppo di attori amatoriali riesce ogni volta, e sempre di più, a portare a casa. Il teatro Grandinetti di Lamezia, le cui scene sono state calcate per la prima volta dagli associati del Terzo Millennio, non ha dunque deluso e la certezza è che, in futuro, non potrà che andare meglio, dato che questa compagnia ha già dimostrato nel corso degli anni la propria capacità di migliorare e di saper affinare quegli ormai pochi particolari che la differenziano da una compagnia di professionisti.

Ecco la gallery fotografica,