fbpx

Platì (Rc), un passo in avanti per il sociale

platì

Importante incontro formativo presso il comune di Platì giorno 18 Dicembre. Ad aprire l’incontro  è stato il Sindaco Dott.Rosario Sergi, da sempre impegnato nel sociale che ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa. A moderare l’incontro è stato l’Avv. Leo Stilo, presidente dell’Associazione ‘’PER NOI E DOPO DI NOI’’, che esordendo ha  illustrato il perché sia importante confrontarsi su queste tematiche ha poi proseguito confermando che non si aprendo uno sportello che eroga servizi, ma uno sportello informativo, al fine di dare alla Pubblica Amministrazione un supporto utile e necessario al fine di attivare tutte quelle iniziative a tutte quelle famiglie bisognose, snellendo di fatto le pratiche burocratiche, che molto spesso finisce col soffocare ogni tipo d’iniziativa. L’assistenza alle famiglie pur essendo di competenza delle regioni, ma di fatto sono i comuni che giornalmente si interfacciano con i vari problemi della comunità. I dati Istat sono allarmanti: nella provincia autonoma di Bolzano un comune spende annualmente più di 14.000 € per ogni disabile, la Calabria ne spende 326,00 è questo è un dato che impone una profonda riflessione e una rimodulazione dell’azione Amministrativa degli Enti Locali. L’incontro formativo ‘’DISABILITA’ E TERRITORIO’’ ha visto la presenza e gli interventi : dell’Avv. Maria Gabriella Romeo (Consigliere ordine degli Avv.ti Locri), Dott.ssa Francesca Tommasello, Vincenzo Zavaglia (Vice Presidente Associazione Per noi e dopo di noi), Avv. Teresa Strangio (Camera Minorile di Locri, Ass. L’Aquilone), Avv. Jessica Tassone (Ass. DoMino). Questo il monito lanciato dall’Avv. Romeo: ‘’I problemi (fisici, sensoriali, psichici) non rimangano chiusi nelle pareti di casa perché se non interagisci diventa una prigione., è importante quindi la cultura dell’inclusione (l’ignoranza sfocia nel bullismo), è importante dare la possibilità a questi bambini o ragazzi di esprimersi, (in Italia solo 1 disabile su 4 consegue il Diploma)  applicando quelle tutele che la legge prevede anche nel nostro territorio. L’avvocatura ha il dovere di impegnarsi per tutelare questi soggetti.’’ A Seguire Zavaglia ha presentato la propria Associazione : ‘’Nata su iniziativa di genitori o comunque familiari di persone disabili, apartitica, e con fini di solidarietà’’., ha poi invitato le famiglie a ‘’non lasciarsi abbattere per i troppi muri che ci sono da scalare, a non vergognarsi per questa società dell’apparire e non dell’essere, ad adottare iniziative legali se vengono violati i propri diritti’’. L’Avvocatessa Strangio, che già a San Luca ha lavorato su tante iniziative rivolte ai minori, ha dato la propria disponibilità (e quella di altri colleghi anch’essi esperti in diritto minorile) per questo sportello. Significativo l’intervento dell’Avv.sa Tassone che concentrandosi molto sulla questione bullismo ha poi evidenziato l’importanza di ‘’Parlare, chiedere, educare alla Diversità’’. Infine la Dottoressa Tommasello ha parlato della propria esperienza, della propria attività e di come sia difficile lavorare ed aiutare queste famiglie a causa della mancanza di infrastrutture. L’evento , che ha visto la collaborazione dei ragazzi del SCN, è stato accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Locri ai fini della formazione forense. Questa iniziativa ha sancito l’attivazione dello ‘’SPORTELLO PER NOI E DOPO DI NOI’’ che sarà aperto presso questo Comune almeno due volte al mese, utile ed importante per quei soggetti che a causa di problemi fisici, sensoriali e psichici si vedono negare diritti inviolabili sanciti dalla nostra Costituzione, quali :

Art.2  ‘’La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.’’

Art.3 ‘’Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.’’

Art.32 ‘’ La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.”

Concludiamo facendo nostre, le parole di un insegnante di sostegno:

”Ogni bambino è speciale,                                                                                                                                                                             i bambini sono come farfalle nel vento..                                                                                                                                                      alcuni possono volare più di altri,                                                                                                                                                                         ma ognuno vola nel modo migliore che gli è possibile…                                                                                                                             perché, quindi, fare dei paragoni?                                                                                                                                                                       Ognuno è diverso,                                                                                                                                                                                                ognuno è speciale,                                                                                                                                                                                                            ognuno è bello ed unico!”

#PlatìUnPaeseCheCambia