fbpx

Pentedattilo Film Festival: tutto pronto per la II edizione, il programma completo [FOTO e INTERVISTE]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Il Pentedattilo Film Festival è stato riconosciuto dalla Regione Calabria come Grande Festival di rilievo internazionale e quindi co-finanziato con i fondi appartenenti al Pac 2017 e gode del patrocinio del Comune di Reggio Calabria e del Comune di Melito Porto Salvo e il sostegno dell’Ente Nazionale Parco dell’Aspromonte

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dat

Vernissage di presentazione questa mattina presso i locali della pinacoteca di Reggio Calabria per l’undicesima edizione del Pentedattilo Film Festival. A fare gli onori di casa il presidente del Consiglio Comunale Demetrio Delfino, la direzione artistica del PFF al completo e il delegato dell’Ente Parco dell’Aspromonte Sabrina Santagati, nell’intento comune di evidenziare la vocazione internazionale della manifestazione, che quest’anno allinea ben 106 cortometraggi selezionati da tutto il mondo. E se Delfino ha sottolineato l’importanza di un sostegno istituzionale che possa garantire tempi precisi e finanziamenti certi per il prossimo triennio, oltre all’impegno del Comune di Reggio per una manifestazione di così alta valenza culturale, la Santagati ha auspicato una sempre maggiore collaborazione fra due realtà che potranno arrecarsi reciproci benefici in un ottica di scambio turistico che vede impegnati in questi giorni i vertici della riserva naturale con l’obiettivo di ottenere il prestigioso riconoscimento da parte dell’UNESCO del Geo-PARCO Nazionale dell’Aspromonte. Maria Milasi (direttore di produzione del PFF), Americo Melchionda ed Emanuele Milasi (direzione artistica) ed Alessia Rotondo (organizzazione e selezione corti), hanno sviscerato cifre ed intenti di un festival che sembra oramai pronto ad una sua consacrazione definitiva anche all’interno dei confini nazionali, forte della risonanza che ha già avuto all’estero nel suo primo decennio di attività. Questo perchè, durante i giorni della manifestazione, succede un piccolo miracolo nel borgo di Pentedattilo, finalmente abitato da una piccola comunità di intellettuali, artisti e addetti ai lavori che si confrontano sulle nuove coordinate della Settima Arte. Domattina si darà ufficialmente al Festival, al teatro Cilea: nell’ambito di “CinEducational”, dedicato alla diffusione della cultura cinematografica tra i giovani, doppio turno di proiezioni (alle ore 8,45 e alle 10) e due differenti programmi – diretti appunto agli studenti -, in cui spica il pluripremiato cortometraggio “Non toccate questa casa – The Angry Men”, di Americo Melchionda (che verrà proposto anche nel pomeriggio, a Pentedattilo, alle 18,45).

Nel pomeriggio, ci si sposterà appunto nel borgo di Pentedattilo dove, alle 18, nella Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, si terrà un concerto dell’Orchestra giovanile Corrado Alvaro; quindi, dalle 19,30, un fitto programma con i primi 15 cortometraggi che parteciperanno alle due sezioni in concorso, “Territorio in movimento” ed “Animazione”. Tra gli happening, anche la mostra “Piovuti dal cielo”, con le fotografie di Fabio Orlando, che sarà inaugurata ufficialmente l’8 dicembre. L’ingresso alle proiezioni del programma CinEducational (proiezioni mattutine al teatro Cilea) è di 5 euro.

per info e prenotazioni: pentedattilofilmfestival@ramfilm.it

I GIURATI E GLI OSPITI

Numerosi e di grande livello internazionale i giurati e gli ospiti del Pentedattilo Film Festival 2018.

A cominciare dal giurato Basil Khalil, regista anglo – palestinese candidato all’Oscar, nel 2016, per il cortometraggio “Ave Maria”, che terrà la masterclass “Road to Oscar” insieme a Daniel Chan (altro componente della giuria), sceneggiatore dello stesso cortometraggio. Per proseguire con un altro importante giurato della sezione animazione, ovvero Marino Guarnieri, regista – insieme ad Alessandro Rak, Ivan Cappiello e Dario Sansone – di “Gatta Cenerentola”, film di animazione interamente realizzato a Napoli e che, dopo la presentazione all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, è adesso nella short list di 26 film di animazione tra i quali verranno scelti i cinque candidati agli Oscar 2018 (il film sarà proposto a Reggio, l’11 dicembre). Guarnieri sarà anche protagonista del workshop Gatta Cenerentola – How to make it.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Ancora un giurato importante: la regista ungherese, Éva Katinka Bognár – il cui corto “Hugo Bumfeldt” ha avuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio della Giuria dei bambini al 62 ° Festival Internazionale di Cortometraggio di Oberhausen e il premio Animated Short Jury al Film Festival di Austin -, che terrà anche un workshop sull’animazione. Senza dimenticare Suranga D. Katugampala, regista italo-srilankese che, con il suo primo lungometraggio, “Per un figlio”, ha ottenuto ottimi riscontri di critica e riconoscimenti, tra cui la menzione speciale dalla giuria degli studenti del Festival di Pesaro 2016, mentre il successivo corto, “La consegna”, è stato presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia tra i vincitori del bando MigrArti.

E il giurato Tino Franco, regista, produttore e sceneggiatore, vincitore di un Nastro d’argento con il suo primo corto, “Space-Off”, del 2001, nonchè autore di una video-testimonianza di Ugo Gregoretti sull’episodio “Lungo le rive della morte”, tratto dal film “Scossa”, che sarà proposta, come proiezione speciale, venerdì 8, alle ore 18, e di “Ugo & Francesco”, cortometraggio che vede lo stesso Gregoretti protagonista e che verrà proiettato domenica 10, alle 17,45.

Oltre ai giurati, tanti saranno gli ospiti del Festival. Di rilievo, in particolare, la presenza di un grande attore che torna a Pentedattilo, dopo l’esperienza che lo ha visto tra i protagonisti di uno dei corti che sarà presentato quest’anno: parliamo di Giorgio Colangeli, interprete notissimo, impegnato in teatro, al cinema e in televisione (le prime due stagioni di “Braccialetti rossi”, “Tutto può succedere”, solo per citare le serie tv più recenti),  premiato come migliore attore al Festival di Roma 2007 (la prima edizione) per “L’aria salata”, che gli ha fatto conquistare anche il David di Donatello come migliore attore non protagonista, nonchè vincitore del Nastro d’argento come migliore attore non protagonista per il film di Ettore Scola, “La cena”. Colangeli, come si diceva, sarà presente sabato 9 a Pentedattilo, per la proiezione – alle 18,20 – del pluripremiato “The Angry Men”, di Americo Melchionda, al quale ha partecipato insieme allo stesso regista ed a Maria Milasi. Ma prima, alle 17,30, proporrà al pubblico del Festival lo spettacolo “E quindi uscimmo a rivedere le stelle”, dalla Divina Commedia.

Numerosi, inoltre, i registi, gli autori e gli attori dei cortometraggi che saranno presentati durante la rassegna: da Leonie Rainer (attrice di “Aloha” – Germania), a Shanu Sharma (regista di “Asylum Park” – India ), da Noel Harris e Mark O’Neill (regista e produttore  di “Touch” – Canada) a Faidon Gkretsikos (regista di “Brazuca” – Grecia),  Jonathan Wilhelmsson  (regista di  “Waltzing Tilda” – Australia), e Matthias Koßmehl ( regista di “Different Bayern” – Germania) – cortometraggi in concorso nella sezione “Territorio in Movimento”. E ancora  Fenglin Chen  (regista di  “Delicatessen” USA),  Yulia Ruditskaya (regista di  “And The Moon Stands Still” – Bielorussia) – in competizione nella sezione “Animazione”, e  Sara Grimaldi (regista di “Le retour du train” – Francia); Robert Shupe (regista di “Pastel” USA); Migdia Chinea (regista di “The Prince of Old Havana” USA), Cristian Bota (regista di “Karmasutra” – Romania ),  Chingya Wan (regista di  “Another Girl” Taiwan )  – selezionati fuori concorso nelle sezioni “Smile” e “Think!”.