fbpx

Messina, ancora tir a Villaggio Unrra. Gioveni: “l’auspicata assunzione dei vigili sarà un toccasana per la viabilità cittadina” [FOTO]

/

Gioveni: “L’auspicio è che già dal 1 gennaio a Messina finalmente possano essere contrastate anarchia, inciviltà e violazione del codice della strada e, soprattutto, garantiti adeguati livelli di sicurezza”

TIR VILLAGGIO UNRRA MESSINA Cade come il cacio sui maccheroni l’approvazione del Bilancio Consolidato di ieri in Aula, perchè dei 23 agenti concorsisti c’è bisogno come il pane e le foto di stamattina (le ennesime) scattate a villaggio Unrra alle ore 8,15 di uno dei tir che attraversano la zona in barba all’ordinanza di divieto, ne sono la testimonianza“. Lo dichiara  il consigliere comunale Libero Gioveni, da sempre vicino l’annosa ai 23 concorsisti e che, soddisfatto per aver contribuito all’approvazione prima del Consuntivo e ieri del Consolidato richiesti dalla Commissione ministeriale che si riunisce oggi, richiama l’urgenza e l’impellente necessità di coprire tanti servizi scoperti della polizia municipale. “Fra tutti – esordisce Gioveni – mi preme ricordare la costante assenza ormai delle pattuglie davanti alle scuole “Gentiluomo” e “La Pira” di Camaro inserite come è noto in contesti viari pericolosissimi per la sicurezza dei piccoli alunni costretti ad attraversare il trafficatissimo viale della Marina Russa e, inoltre, appunto, l’incontrollata zona di villaggio Unrra a ridosso della scuola “Salvo D’Acquisto” in cui vige l’ordinanza di interdizione ai mezzi pesanti nelle ore di punta”. Anche stamattina, infatti – prosegue il consigliere e come si evince dalle immagini a corredo dell’articolo – i tir impazzavano come sempre non rispettando la fascia oraria di divieto prevista dalle ore 7, 45 alle ore 8,30″. “È evidente, inoltre – afferma l’esponente del gruppo Misto – che tante altre sono le emergenze viarie e le criticità da affrontare in città (le doppie file da stanare al centro rappresentano senz’altro un’altra priorità) e l’auspicata assunzione dei vigili entro giovedì 21 (giorno della scadenza della graduatoria) non potrà che rivelarsi un toccasana per la viabilità cittadina, come del resto già testato nei mesi in cui questi ragazzi avevano prestato servizio. L’auspicio, quindi – conclude Gioveni – è che già dal 1 gennaio, con la ripresa in servizio a pieno regime anche dei 49 ormai ex contrattisti vigili, in città finalmente possano essere contrastate anarchia, inciviltà e violazione del codice della strada e, soprattutto, garantiti adeguati livelli di sicurezza”.