Messina: presentato questa mattina il “PID”, Punto impresa digitale

Il “Pid” della Camera di commercio di Messina è stato presentato questa mattina al Palazzo camerale

blandina - giustianiCreare all’interno della Camera di commercio un “punto di competenza sul digitale” che assista le imprese sulle tematiche di “Impresa 4.0” e, più in generale, sull’utilizzo del digitale in azienda; rafforzare il ruolo dell’Ente camerale nell’“ecosistema dell’innovazione digitale” attuando collegamenti con le associazioni, i centri di trasferimento tecnologico, i soggetti specializzati e gli enti che operano in tale ambito; sperimentare un nuovo modello di servizio nei confronti delle imprese per l’accrescimento della loro competitività. Nasce con questo intento il Punto impresa digitale, un network fisico di 77 strutture localizzate sul territorio nazionale con l’obiettivo di far crescere la consapevolezza “attiva” delle imprese sulle soluzioni possibili offerte dal digitale e sui loro benefici, ma anche sui rischi connessi al suo mancato utilizzo. Il “Pid” della Camera di commercio di Messina è stato presentato questa mattina al Palazzo camerale. «L’iniziativa di oggi è un ulteriore passo in avanti verso la modernizzazione e l’efficienza delle imprese – afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina – che, oggi più che mai, non possono prescindere dalla digitalizzazione, diventata anche sinonimo di competitività. In ogni campo, si registra una riluttanza all’innovazione, ma solo perché si conoscono poco gli strumenti messi a disposizione per poter migliorare e rendere più produttiva la propria attività. Il “Pid”, che si rivolge alle imprese di qualunque dimensione e settore economico e ai professionisti, è certamente un punto di riferimento importante per accompagnarle nella trasformazione digitale». Dal 23 novembre scorso, è stato istituito anche  il portale nazionale del “Pid”, www.puntoimpresadigitale.camcom.it che permetterà di conoscere tutte le attività e i servizi camerali offerti dai Punti impresa digitale. «Nell’ambito dei servizi offerti dal “Pid” per favorire l’approccio all’innovazione, è stata già avviata una campagna di comunicazione per promuovere il “Cassetto digitale” – precisa il responsabile Area Sud di Infocamere, Salvatore Giustiniani – che permette agli imprenditori,  attraverso la piattaforma on line impresa.italia.it, realizzata da Infocamere per conto delle Camere di commercio, di accedere senza oneri alle informazioni e ai documenti ufficiali della propria impresa. Tra i servizi digitali già attivi, va ricordata la fatturazione elettronica, gratuita per tutte le Pmi, che permette anche la fatturazione tra privati con l’eliminazione del limite delle 24 fatture e consente il trattamento dei dati personali con un sistema di conservazione a norma. E’ anche in itinere il servizio “Libri digitali” che si prefigge di fornire alle imprese gli strumenti necessari per favorire il processo d’informatizzazione e digitalizzazione della tenuta dei libri e dei registri contabili».