fbpx

Nasce il Meetup Area Grecanica Melito di Porto Salvo

Nasce il “Meetup Area Grecanica Melito di Porto Salvo”: l’occasione per ogni cittadino di contribuire al Cambiamento

melito porto salvoUn gruppo di cittadini, ansiosi di contribuire fattivamente a quel miglioramento sociale da troppo tempo invocato, scende in campo con l’intento di creare un punto di aggregazione sociale, finalizzato alla rinascita di quella democrazia “dal basso”, spesso soltanto paventata per motivi di convenienza, ma in realtà mai attuata. Tale decisione scaturisce dalla volontà di affrontare le note problematiche del territorio metropolitano tra cui: una precaria viabilità che rende le nostre strade sempre più insicure e insidiose, una balneazione problematica dovuta in gran parte a sistemi depurativi e fognari inefficaci, passando poi ad un’economia su di un territorio che, pur ostentando grandi potenzialità paesaggistiche, da sole sufficienti a far vivere di turismo l’intera popolazione, stenta a sopravvivere, sopraffatta da un progressivo impoverimento e da un crescente deturpamento ambientale. Al danno si aggiunga, poi, la beffa dell’aumento di beni e servizi (acqua e spazzatura in primis), dovuta al soddisfacimento di nuove nome costituzionali (tra cui il pareggio di bilancio ed il Fiscal Compact introdotte dal governo Monti), che strozzano gli Enti Locali facendo lievitare tasse il cui importo raramente è equiparabile alla prestazione effettivamente erogata, tanto da far pensare che paghiamo per avere dei disservizi piuttosto che dei servizi. Invero, parte della problematica è legata anche alla mancanza di progetti concreti, iniziative che “dovrebbero” (qui il condizionale è d’obbligo) mettere gli Enti nelle condizioni di garantire l’efficienza dei servizi; si pensi ad esempio alla vicenda della ZES, la Zona Economica Speciale, proposta per favorire il rilancio dell’economia della Città Metropolitana ma che, a quanto pare, partirà dal porto di Gioia Tauro verso la Calabria settentrionale, escludendo così gran parte della Città Metropolitana (e con essa l’intera Area Grecanica). Altro esempio calzante è la mancanza di deleghe delle funzioni alla Città Metropolitana di Reggio Calabria. Meno funzioni significa meno finanziamenti e quindi meno efficienza nei servizi erogati (manutenzione strade, illuminazione, depurazione, ecc…). Tutta una panoramica, questa, che serve a far nascere nel lettore la consapevolezza riguardo l’impellente necessità di attivarsi in modo diretto, dal momento che siamo noi, i cittadini, i veri destinatari di bollette dell’acqua aumentate vertiginosamente, di Tares alle stelle e strade con voragini: disservizi che paghiamo a prezzi sempre più esorbitanti. Dalla volontà di una giusta e legittima iniziativa popolare, nasce il “Meetup Area Grecanica di Melito Porto Salvo”, i cui organizzatori, consapevoli della necessità di un rinnovato quanto responsabile attivismo cittadino, plaudono con soddisfazione e speranza, ad ogni iniziativa tesa ad un miglioramento concreto e reale del territorio. Tra tali proposte, appare giusto e doveroso agli organizzatori del Meetup, appoggiare la coraggiosa iniziativa intrapresa dell’avv. Antonino Minicuci, cittadino di Melito e indiscusso professionista che vanta anni di impegno e, soprattutto, risultati concreti nel campo dell’amministrazione pubblica degli Enti Locali. L’avv. Minicuci, ha sollevato da tempo la questione relativa al ritardo sulle attribuzioni di funzioni alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, portandola in questi giorni all’attenzione dell’attuale Ministro dell’Interno, On. Marco Minniti e del Governatore della Calabria, On. Mario Oliverio. Ci auguriamo che tale percorso possa concretizzarsi in una svolta efficace, che stimoli chi di dovere, al fine di assegnare alla Città Metropolitana di Reggio Calabria (che lo ricordiamo comprende esattamente tutto il territorio della ex Provincia), le nuove funzioni amministrative spettanti, così come previsto dalla legge.