Sicilia, vietato pregare in classe: preside di una scuola rimuove statue e foto del Papa

Vietato pregare in classe: in una scuola in Sicilia rimossi crocifissi, statue e foto Santi e del Papa

crocifisso aulaVietato agli insegnanti far pregare i bambini prima della merenda e dell’inizio delle lezioni e quindi anche durante l’ora di religione, via  le foto di Bergoglio Wojtyla e le statue raffiguranti la Madonna e Gesù. Così ha deciso il dirigente della  scuola elementare e per l’infanzia “Ragusa Moleti” di Palermo.  Alla base delle decisione non vi sarebbe alcuna lamentela da parte dei genitori non cattolici, ma bensì l’applicazione di quanto riportato in una nota del gabinetto del Miur nel 2009, secondo cui è da escludere ‘la celebrazione di atti di culto, riti o celebrazioni religiose nella scuola durante l’orario scolastico o durante l’ora di religione cattolica, atteso il carattere culturale di tale insegnamento”. Così dall’atrio dell’istituto da ieri sono sparite le statue e dagli uffici le foto di santi e del Papa.  Tolta anche la foto di Bergoglio dall’ufficio del dirigente.  “Nessuno è venuto a lamentarsi- dice il preside- qualche docente mi ha riferito di un po’ di nervosismo tra gli insegnanti, ma nel mio ufficio non è arrivato nessuno a protestare per la circolare“.