Sicilia, arrestati tre impresentabili. Accorinti: “I cittadini tornino ad occuparsi di politica” [INTERVISTA]

Sicilia, sale a tre il numero degli impresentabili arrestati. Accorinti: “Quello che sta accadendo la dice lunga sul nostro territorio, la politica non può essere lasciata in mano ai partiti”

accorinti elezioni in siciliaL’elezioni siciliane la dicono lunga su quello che è il nostro territorio, siamo una regione meravigliosa ma ancora ne abbiamo di strada da fare“. Lo ha detto quest’oggi il sindaco di Messina in occasione della prima giornata del workshop sui beni confiscati tenutosi a Reggio Calabria. ”La politica- ha detto il sindaco- è vista solo come qualcosa che appartiene alle caste o ai partiti“. Secondo Accorinti occorre ribaltare questo concetto: “ i partiti- ha detto- sono fondamentali  per una nazione democratica“, ma occorre riportare l’attenzione sui cittadini. “La mia esperienza di elezione a Messina- ricorda il sindaco- viene dal basso ed è un esempio perché il cambiamento vero avviene solo dal cittadino.  L’astensione alle urne- ha concluso- è una cosa disastrosa,  dimostra che manca l’affezione dei cittadini al bene comune. La politica è il bene supremo, i cittadini devono tornare ad esserne i protagonisti. La politica è lo spartire, lo spezzare il pane. È la forma più alta di carità e per farla bisogna essere concreti come dei sognatori“.