Serie C, tanto nervosismo e poco gioco: Casertana-Reggina termina 0-0,con due espulsioni

Allo stadio “Pinto” di Caserta la Reggina resiste ad una Casertana che fa del gioco duro l’arma permanente, termina 0-0 una partita tutta’altro che bella

Casertana-regginaPrimo tempo equilibrato condizionato piu dall’impulsività agonistica dei padroni di casa piuttosto che dall’aspetto tecnico/tattico di entrambe le compagini. Casertana-Reggina parte bene sotto il profilo agonistico, degenera nel finale della prima parte quando Rjacic e compagni, oltre a non tirrare indietro la gamba, sono pratogonisti di episodi al limite della massima sanzione. Molti falli ed entrate dure, in una serata fresca (11°) con una discreta cornice di pubblico ed una sparuta presenza di tifosi amaranto. Ospiti subito temperati da entrate dure con più calci… che calcio giocato; le entrate e gli interventi premia l’esperienza rossoblù che afferma la volonta di conquistare i tre punti a tutti i costi che vengono da quattro sconfitte consecutive in casa e che navigano in zona play out a quota 8. Primo tempo quindi tutt’altro che bello, interrotto, nervoso e privo di vere emozioni, i rossoblù surriscaldano subito il terreno di gioco, i ragazzi di Maurizi cadono spesso nelle provocazioni e  l’atteggiamento aggressivo della Casertana fa emergere la poca intraprendenza della terna arbitrale. Rainone, D’anna e Rjaicic si fanno sentire, Fortunato viene ammonito ed ai punti vince l’esperienza degli uomini di D’Angelo. De Francesco sembra fuori dal gioco dovuto anche al fraseggio poco propositivo, Mezavilla è più intraprendente ma macchinoso nelle ripartenze, Porcino parte arretrato pungendo poco. Il gioco condizionato da molte interruzioni favorisce leggeremente i padroni di casa  che sulla corsia di destra creano maggior spinta ma senza impensierire mai Cucchietti.

Caseratna-regginaI rossoblù lasciano spazio agli amaranto, Tulissi prova ad invnetare qualcosa ed in un rimpallo in area termina di poco al lato dell’estremo difensore campano Cardelli. Per il resto nulla da segnalare.  Al ’37 ammonito Demarco per fallo su Tulissi che si aggiunge a quella dell’ex reggina De rose. Termina 0-0 la prima parte di gara. Al rientro dagli spogliatoi la tensione ed il nervosismo sembrano non aver mai abbondonato il terreno del “Pinto”, Tulissi rimane subito a terra. Occasione per Alfageme, tiro rasoterra parato da Cucchietti, la reazione della Reggina arriva subito dopo sfiorando il gol del vantaggio. Bianchimano  colpisce la palla al volo che Cardelli salva a fil di palo. L’attaccante amaranto in ombra nella prima parte sembra più intraprendente, le squadre si allungano leggermente ma la difesa amaranto regge bene. D’angelo dalla panchina sprona i suoi, inserisce Marotta al posto di De Marco e spochi attimi dopo, come da pronostico, scattano le espulsioni: ne fanno le spese Laezza per la Reggina e Afageme per i padroni di casa, polemiche che continuano e partita che viaggia ai limiti della rissa. Maurizi ricompone l’assetto difensivo, dentro Gatti al posto di Fortunato. AL 25′ minuto il tecnico amaranto richiama Tulissi per inserire Di Livio. La Casertana ci crede di piu, è molto determinata così  anche Galli (C) con un affondo dalla difesa sfonda dalla parte di Pasqualoni ma la palla termina sul fondo. Ammonito per proteste Carriero (C), illusione del gol per i tifosi della Casertana, Turchetta gonfia la rete ma dalla parte esterna.

Casertana-regginaDoppio cambio per la Reggina, esce dal campo De Francesco ed entra Soliero così come Garufi subentra al posto di Marino. Si potrebe sfruttare meglio i contropiedi, gli spazi ci sono ma gli amaranto non affondano.Ancora Turchetta (C) sfiora il gol su cross di Marotta ma nulla più. Tre minuti di recupero e polemiche anche dopo il triplice fischio. Termina 0-0 e tutto sommato un buon pareggio per i giovani di Maurizi che in un campo difficile subiscono molto fisicamente, una partita che fa sicuramente crescere la compagine di Maurizi, maturita indispensabile per affrontare partite ostiche come queste, battaglie difficili da giocare più sotto il profilo mentale che prettamente tecnico. Un gioco costantemente interrotto che ha lasciato il tempo più a polemiche ed interventi legati alla fame di punti che, al “Pinto“, attanaglia i padroni di casa da molte settimane. La Reggina sale a quota 17 la Casertana muove la classifica  tra i fischi, smorzate contestazioni ed il penultimo posto in classifica.

Formazioni di Casertana-Reggina

Casertana: Cardelli, D’Anna, Rainone, Polak, Galli, Rajcic, De Marco, De Rose, Carriero. Alfageme, Turchetta All. D’Angelo
Reggina: Cucchietti, Pasqualoni, Laezza, Di Filippo, Porcino, Marino, Mezavilla, De Francesco, Fortunato, Tulissi, Bianchimano All. Maurizi
Arbitro: Carella (Bari) – Assistenti: Laudado (Taranto), De Chirico (Barletta)