Serie C, guai in arrivo per il Rende Calcio, società deferita al Tribunale Federale Nazionale: “fideiussione priva di qualsiasi efficacia”

Deferimento anche per il presidente del sodalizio biancorosso Rende Calcio deferita per responsabilità diretta

Rende Calcio fideiussioneLa società cosentina che tramite la  fidejussione  ha  ottenenuto  il ripescaggio: ”senza aver effettuato alcun controllo preventivo sulla validità della stessa e senza aver avuto rapporti diretti con soggetti autorizzati a emettere la garanzia secondo le norme federali”. Rischia quindi adesso il Rende Calcio, deferito al Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare in merito alla questione della fidejussione presentata in allegato alla domanda di ripescaggio in Serie C. La prima fideiussione (non valida) presentata che era quindi costata in un primo momento l’esclusione da parte del Consiglio Federale dai campionati. Successivamente, confermata la non validità della fideiussione, il Rende Calcio ne presentò una seconda (a norma ) ma fuori dai tempi previsti dal regolamento Deferito il presidente del club Fabio Coscarella, mentre la società è stata deferita per responsabilità diretta-

Il Comunicato della FIGC:

“Il Procuratore Federale e il Procuratore Federale Aggiunto, espletata l’attività inquirente e all’esito della notificazione della comunicazione di chiusura delle indagini, hanno deferito al Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare Fabio Coscarella, all’epoca dei fatti amministratore unico e legale rappresentante pro-tempore della società Rende Calcio 1968 s.r.l. “per rispondere della violazione di cui all’art. 1 bis, comma 1, del C.G.S., in relazione all’art. 8, commi 1 e 2, del C.G.S., per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, in quanto unitamente alla domanda di ripescaggio al campionato di Serie C della società dallo stesso rappresentata e nel termine per la presentazione della stessa – fissato dal C.U. del Presidente Federale n. 10/A del 14.7.2017 per il giorno 28.7.2017 – in data 27.7.2017 ha prodotto e utilizzato una fideiussione priva di qualsiasi efficacia, senza aver effettuato alcun controllo preventivo sulla validità della stessa e senza aver avuto rapporti diretti con soggetti autorizzati a emettere la garanzia secondo le norme federali”. Deferita anche la società a titolo di responsabilità diretta.