Rosarno: il comune affida il servizio della gestione dei tributi locali e delle altre entrate patrimoniali

Rosarno: il comune affida il servizio della gestione dei tributi locali e delle altre entrate patrimoniali

comunedirosarnoIl Comune di Rosarno ha affidato, con bando di gara, in concessione alla STEP (Servizi e Tecnologie Enti Pubblici S.r.l.), il Servizio relativo alle attività connesse alla gestione dei tributi locali e delle altre entrate patrimoniali di competenza del Comune di Rosarno, dalla fase dell’accertamento a quella della riscossione coattiva, comprese quelle connesse, propedeutiche e strumentali, per la durata di anni cinque. Pertanto, tutte le istanze e le informazioni riguardanti i tributi locali dovranno essere richieste presso gli uffici della predetta Società, sito in Rosarno alla via Elena, 148, ai seguenti orari: lunedì – mercoledì – venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30, martedì e giovedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00. L’Ufficio Tributi Comunale sarà quindi competente esclusivamente per le seguenti materie: fermi amministrativi ed ingiunzioni fiscali fino all’annualità 2011. “Si tratta solamente del primo passo verso quella che è una vera e propria svolta epocale – afferma l’assessore al bilancio Pasquale Papaianni -. Dal 2018, infatti, i cittadini pagheranno finalmente il servizio idrico a consumo, in modo tale che ogni contribuente verserà alle casse comunali esclusivamente quanto in realtà consumato, evitando così sprechi ed ingiustizie. La Società preposta provvederà in una prima fase al censimento dei contatori idrici, invitando i cittadini a regolarizzare eventuali inadempienze, in modo tale che sia garantito un servizio più efficiente ed a maggiore tutela dei cittadini”.

“L’esternalizzazione del servizio di riscossione dei tributi ed in particolare la nuova modalità di calcolo della tassa sul servizio idrico consentirà un notevole risparmio idrico ed energetico per l’Ente e di conseguenza per i rosarnesi – dichiara il Sindaco Idà – . Inoltre, con le nuove tariffe a consumo, vi sarà un netto abbattimento degli sprechi ed un’ulteriore e maggiore tutela per l’ambiente, il tutto nell’interesse dei cittadini, che se virtuosi pagheranno una tassa di gran lunga inferiore rispetto al passato, il tutto senza alcun accanimento tributario”.