Regionali Sicilia, ecco le prime parole del presidente Musumeci: “finita la stagione di odio e maialate”

Regionali Sicilia: Musumeci è il nuovo presidente, battuto Canvelleri del M5S. La coalizione di centro-destra dopo 5 anni riprende il potere nell’Isola. Il neo governatore: “mettiamoci subito all’opera”

LaPresse/Andrea Di Grazia

LaPresse/Andrea Di Grazia

E’ raggiante Nello Musumeci dopo la vittoria della sua coalizione di centro-destra alle regionali siciliane. Il neo governatore 5 anni fa fu battuto dal Pd e da Crocetta, oggi invece si trova nello scranno più alto dell’Ars. Visibilmente emozionato, il neo presidente nelle sue prima parole affronta vari argomenti: “vorrei che la stagione degli odi e dei rancori, delle cadute di stile delle maialate possa essere archiviata, adesso lavoriamo per la Sicilia, ognuno per il proprio ruolo. Più di tutti hanno creduto nella mia proposta -prosegue- i siciliani che hanno consacrato un impegno col centrodestra che mancava in Sicilia da 8 anni. Non sarei stato candidato se non ci avesse creduto tutta la coalizione: adesso guardiamo alla redenzione della Sicilia e alle premesse atte a garantire una vittoria del centrodestra in Italia, visto che la Sicilia ha anticipato sempre gli scenari siciliani”. Musumeci è un fiume in piena: “so che incontrerò qualche problema, perché vorrò dire qualche no, finalmente. Ma bisogna liberare questa terra dalla zavorra, dalle contiguità che possono apparire opache“. Per ultimo un ricordo al figlio deceduto: “oggi andrò da mio figlio al cimitero, poi andrò in campagna per riposarmi due giorni in compagnia dei miei due cani randagi e poi comincerà la sfida più difficile. So che la strada sarà tutta in salita”.

Elezioni Regionali Sicilia, ecco i dati DEFINITIVI: boom Musumeci al 40%, liste di centro/destra al 42%. Grillini lontani, crollo sinistra e Pd