Reggio Calabria: tentato omicidio per futili motivi, in arresto 26enne [NOME, FOTO e DETTAGLI]

Reggio Calabria: il 26enne arrestato, al termine di accurate indagini, è stato ritenuto responsabile del reato di tentato omicidio commesso ai danni di un 24enne

PoliziaStamattina personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Gioia Tauro ha eseguito nei confronti di TRUNFIO Francesco, 26enne di Gioia Tauro, l’ordinanza su richiesta di applicazione di misure cautelari personali emessa dal GIP presso il Tribunale di Palmi. Il TRUNFIO, al termine di accurate indagini è stato ritenuto responsabile del reato di tentato omicidio commesso ai danni di un 24enne di Gioia Tauro. Le indagini sono state avviate dal Commissariato di P.S. dopo che la vittima si è presentata presso il pronto soccorso dell’Ospedale di Gioia Tauro, con una ferita al torace causata da arma da taglio. L’uomo dichiarava di aver subito una rapina ed essere stato successivamente ferito una volta opposto il rifiuto di consegnare il denaro. Tuttavia gli accertamenti investigativi compiuti dal personale operante presentavano delle incongruenze rispetto a quanto denunciato. Pertanto con il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi venivano avviate una serie di attività investigative sul territorio volte ad ottenere elementi probatori finalizzati ad individuare movente ed esecutore del tentato omicidio.

Trunfio Francesco

Trunfio Francesco

In virtù di tali azioni investigative, si riusciva a ricostruire il corso reale degli eventi, individuando in TRUNFIO Francesco, oggi colpito dal provvedimento cautelare, colui che aveva attentato alla vita del 24enne. Il motivo del contendere, tra i due, sarebbe da ricercare in un litigio per futili motivi, avvenuto a luglio, presso un locale di Palmi. Il giorno successivo tra i due si sarebbe accesa una violenta discussione poi degenerata nel tentato omicidio. Conferma su quanto accaduto veniva data anche da mirati servizi d’intercettazione ambientale, condotti dal personale del Commissariato di P.S. di Gioia Tauro presso l’ospedale dove era stata ricoverata la vittima. In un dialogo con la madre, difatti, le confidava di aver dichiarato il falso alle forze dell’ordine. All’esito delle attività d’indagine condotte veniva richiesta all’Autorità Giudiziaria l’emissione di Ordinanza di custodia cautelare nei confronti di TRUNFIO Francesco.