Reggio Calabria, Mauro e Gangemi: “bene reintegro degli Lsu-Lpu della ex Multiservizi”

Reggio Calabria, Mauro e Gangemi: “bene reintegro degli Lsu-Lpu della ex Multiservizi con i 2,5 milioni inseriti nella variazione di bilancio dalla Regione Calabria”

palazzo san giorgio 6“L’approvazione dell’assestamento di bilancio, che ha ricevuto ieri il via libera dal Consiglio Regionale della Calabria, rappresenta il naturale coronamento del percorso che ha consentito il reintegro nel bacino regionale, dei lavoratori Lsu-Lpu licenziati da società sciolte per mafia, come la ex Multiservizi,  che  non solo avevano perso il proprio posto di lavoro ma che erano anche rimasti privi delle tutele previste dalla legge per i lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità”. E’ quanto scrivono in una nota congiunta il vicesindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria Riccardo Mauro e il consigliere comunale delegato alle società Francesco Gangemi. «Ricordiamo la lunga battaglia portata avanti in totale sinergia con la Regione Calabria – spiegano i due consiglieri – per permettere il loro reintegro nel bacino regionale, garantendo un futuro a questi lavoratori. Una battaglia di giustizia, in linea con gli intendimenti affermati dal Sindaco Falcomatà, che ha trovato un giusto coronamento, grazie alla sensibilità del consigliere Sebi Romeo e del Governatore Mario Oliverio, prima con la approvazione della legge 31 ed oggi con la variazione di bilancio, che consentirà alla nostra Amministrazione il reintegro di ben 112 lavoratori da impiegare in settori nevralgici per le manutenzioni comunali, come quelli del verde pubblico, delle strade e dei cimiteri». «Oggi possiamo finalmente affermare che giustizia è stata fatta – proseguono Mauro e Gangemi – una promessa mantenuta dalla nostra Amministrazione e dalla Regione, che ha finalmente restituito il maltolto a tanti lavoratori, padri e madri di famiglia, che avevano perso il proprio posto di lavoro e le tutele del bacino regionale, a causa dello scioglimento per infiltrazioni mafiose della società ex Multiservizi. Una battaglia che peraltro afferma il principio di legalità, più volte ribadito dal sindaco Falcomatà, per il quale lo Stato deve saper dimostrare di garantire ai suoi cittadini quei diritti messi in discussione dai danni provocati dalle infiltrazioni mafiose, che hanno pesantemente inficiato il tessuto sociale della nostra città nell’ultimo decennio». «Ora auspichiamo – concludono i due consiglieri – che visti gli impegni presi e l’iter burocratico già ampiamente avviato, ora che la politica si è determinata positivamente rispetto agli impegni assunti, che i dipartimenti regionali coinvolti, concludano al più presto la procedura affinché si possa immettere nel circuito delle manutenzioni cittadine, nel più breve tempo possibile, l’apporto di questi 112 lavoratori che consideriamo una risorsa fondamentale per Reggio Calabria».