Reggio Calabria, Imbalzano: “gestione pon metro 2014-2020: superficialità senza limiti dell’amministrazione comunale”

Gestione pon metro 2014-2020, Imbalzano: “ancora una volta siamo costretti a constatare ed evidenziare il disinvolto livello di pressapochismo e, speriamo solo, di superficialità dell’Amministrazione Comunale”

palazzo san giorgio5 “Ancora una volta siamo costretti a constatare ed evidenziare il disinvolto livello di pressapochismo e, speriamo solo, di superficialità dell’Amministrazione Comunale in ordine alla organizzazione dei sistemi di gestione delle imponenti risorse rivenienti dal Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014/2020 (PON METRO), destinate a promuovere il miglioramento dell’attuale deficit nella qualità dei servizi ed a realizzare una reale inclusione all’interno dell’Area Metropolitana”. E’ quanto afferma il capogruppo Pasquale Imbalzano, preoccupato anzitutto dei ritardi fin qui registrati nella gestione del programma complementare al PON METRO 2014-2020. “La più eclatante dimostrazione di quanto affermiamo ci viene dall’iter procedurale fin qui seguito e dagli atti prodotti da Giunta e Dirigente preposto per supportare, dal punto di vista tecnico, l’Organismo Intermedio previsto ed istituito dal Comune. In particolare – evidenzia Pasquale Imbalzano – mentre con determina dirigenziale n. 546 del 29.11.2016 veniva CORRETTAMENTE attivata la procedura di evidenza pubblica per l’affidamento dei servizio di assistenza tecnica allo stesso PON METRO, con successiva determinazione n. 18/l del 22.9.2017 si revocava la gara precedentemente indetta, a seguito dell’avvenuta attivazione della convenzione Consip SpA per detti servizi, al fine di attribuirlo successivamente – con determina n. 3526 del 9.11.2017 – alla Società Ernst & Young Financial Business Advisors SpA, a sua volta aggiudicataria di una convenzione con Consip SpA per le stesse funzioni di consulenza, alla modica cifra di Euro 879.514,24, ” aggiunge l’avvocato Pasquale Imbalzano.
“Ci sorprende, a questo proposito, che parte di questi atti ed in particolare la determina 18/l del 22.9.2017 di revoca della precedente evidenza pubblica, sono stati posti in essere prima che la Giunta Comunale – con delibera n. 218 del 30.10.2017 – approvasse lo schema di convenzione con il quale l’Agenzia per la Coesione Territoriale, quale Amministrazione titolare del PON METRO 2014-2020, delegasse al Comune di Reggio Calabria le funzioni di Organismo Intermedio, già in parte poste in essere dalla dirigenza comunale”, continua ancora Pasquale Imbalzano. “Ci preoccupa, allo stato degli atti, una più che probabile conseguenza, assai delicata, per le casse comunali. La predetta deliberazione di Giunta chiarisce che lo stanziamento di risorse finanziarie per l’assistenza tecnica del programma di Azione e Coesione Complementare al PON Città Metropolitane in questione è pari ad Euro 500.000,00 e non di Euro 879.519,24. Ci chiediamo, chi pagherà la differenza di Euro 379.519,24 alla Società Ernst & Young SpA (aggiudicataria indiretta della consulenza) nel momento in cui la stessa rivendicherà il profumato importo convenuto, alla fine dell’intervento tecnico concertato? ” , conclude Pasquale Imbalzano.