Arresto De Luca, caos a Palermo: mai successo che un deputato venisse arrestato prima dell’insediamento all’Ars

L’arresto di De Luca rappresenta caso giuridico senza precedenti: mai nella storia dell’Ars era successo che un deputato eletto prima dell’insediamento, dunque prima del giuramento, venisse arrestato

cateno de luca messinaAll’ufficio legislativo dell’Ars si continua a lavorare per decidere come procedere nei confronti del neo deputato di Messina eletto all’Ars Cateno De Luca. L’arresto di De Luca rappresenta caso giuridico senza precedenti: mai nella storia dell’Ars era infatti successo che un deputato eletto prima dell’insediamento, dunque prima del giuramento, venisse arrestato. Giuridicamente De Luca non è ancora un deputato, per questo  in queste ore si lavora per capire come interpretare il caso e quali norme applicare nei suoi confronti. Il paradosso- dichiarano all’Italpress fonti dell’ufficio dell’Ars- è che “La Corte d’appello non ha proclamato l’elezione dei candidati e quello di De Luca e’ un caso giuridico inedito e atipico. Un deputato per entrare nell’esercizio delle sue funzioni deve prima essere proclamato eletto dalla Corte di Appello, poi si deve insediare e quindi giurare. Tutto questo non e’ avvenuto ancora“. Dunque, per procedere con la sospensione dall’incarico all’Ars, De Luca dovrebbe prima insediarsi. Una volta sospeso, al suo posto subentrerebbe il primo dei non eletti nella sua stessa lista, cioè Danilo Lo Giudice.