Unime nella classifica della migliori università del mondo [DATI]

Ranking CWUR dei migliori atenei mondiali: l’Ateneo di Messina si conferma nel primo 3%

università messinaUna conferma per Unime nella classifica delle migliori università di tutto il mondo, che quest’anno comprende ben 27.700 atenei, pubblicata dal Center for World University Rankings. La graduatoria considera fattori come la qualità dell’istruzione e della formazione degli studenti, nonché il prestigio dei docenti e la qualità della loro ricerca.
Dai dati raccolti è emerso che l’Università di Messina si attesta ai piani alti della classifica, confermandosi al “top 3%” a livello mondiale, ed esattamente al 758° posto tra gli istituti analizzati.

Nel dettaglio, Unime ottiene i seguenti punteggi:
Qualità dell’Istruzione: 383+
Alumni occupazione: 616+
Qualità delle Facoltà: 240+
Pubblicazioni Rank: 651
Influenza: 832
Citazioni Rank: 709
Vasto impatto: 694
Brevetti Rank: 913+
Punteggio totale: 42.72

“Anche quest’anno- ha sottolineato il Rettore, prof. Pietro Navarra- Unime si colloca all’interno del ‘top 3%’ della graduatoria internazionale stilata dal Center for World University Rankings. Non posso che esprimere soddisfazione per questo risultato, notando come, rispetto al 2016, alcuni indicatori hanno fatto registrare progressi.
Ritengo fondamentale che l’Ateneo si misuri anche in uno scenario globale e non limiti la comparazione al panorama nazionale. Per questo ben vengano iniziative come quella del CWUR”. “L’Università di Messina – ha detto il Prorettore all’Internazionalizzazione, prof. Antonino Germanà – ha confermato i propri progressi in campo internazionale. Un risultato assai significativo, perchè il CWUR valuta diversi parametri: oltre alla qualità della didattica e della ricerca, vengono prese in considerazione anche la situazione occupazionale dei nostri laureati e le azioni della cosiddetta Terza Missione, che comprende le attività di trasferimento tecnologico compresi spin off e brevetti, e le attività di cooperazione internazionale come il RESUME o l’EUNIT, un progetto che si è concluso proprio nei giorni scorsi”. Il CWUR è un progetto avviato nel 2012 in Arabia Saudita, cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi anni, tanto da censire quasi 28.000 istituzioni in tutto il mondo.

Gli otto indicatori utilizzati dal CWUR sono:
1) la qualità dell’istruzione, misurata dal numero di alunni dell’università che hanno vinto importanti premi internazionali, premi e medaglie in rapporto alla grandezza dell’ateneo;
2) il tasso di occupazione degli ex-alunni, misurato dal numero di studenti di una università che attualmente detengono lavori da CEO presso le migliori aziende del mondo in rapporto con la dimensione dell´università [25%];
3) qualità della facoltà, misurata dal numero di accademici che hanno vinto importanti premi internazionali [25%];
4) numero di pubblicazioni, misurato dal numero di articoli di ricerca apparsi in riviste [5%];
5) influenza, misurata dal numero di articoli scritti in riviste altamente influenti [5%];
6) numero di citazioni, misurate dal numero di articoli di ricerca altamente citati [5%];
7) ampiezza dell’impatto misurato dall’indice h dell´università [5%];
8) brevetti, misurati dal numero di richieste di brevetti internazionali [5%].

Per visualizzare la classifica: http://cwur.org/2017.php