Transito lavoratori MessinAmbiente e Ato, i sindacati: “dopo Taormina adesso si proceda velocemente ai passaggi di Ato3

messinambiente“In ottemperanza a quanto disposto dalla legge regionale 9/2010 che dispone l’assunzione dei lavoratori dipendenti dalle Ato me 1, Me2, Me3, Me4 in liquidazione e della Messinambiente in liquidazione alla s.r.r. Messina area metropolitana. Nel rispetto alle linee guida concertate grazie al puntuale intervento dell’ing. Gaetano Sciacca al tavolo tecnico istituito presso l’ispettorato del lavoro di messina con: Fit – Cisl, Uil trasporti – Fiadel Messina, ove si rileva con chiarezza che: “il personale in servizio nelle, società su indicate in liquidazione debba transitare alla s.r.r. di competenza (s.r.r. Messina area metropolitana), secondo i requisiti di legge, per essere utilizzati dalla società affidataria del servizio (ad es. Messina servizi bene comune) che ne assume la responsabilità gestionale, operativa e disciplinare, anche per quanto concerne l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro, nonché per l’erogazione delle retribuzioni. Impegnando il commissario della s.r.r. messina area metropolitana a procedere con urgenza alla stipula dei contratti di lavoro.” A seguito di quanto sopra la s.r.r. Messina area metropolitana ha concertato con le oo.ss. il contenuto dell’accordo di cessione di contratto ex art. 1406 e s.s. codice civile, e grazie all’intervento Fit – Cisl, Uil trasporti – Fiadel Messina, sono state inserite tutte le maggior clausole volte alla massima tutela dei lavoratori e delle lavoratrici, quali:

a) la durata del contratto di utilizzo del lavoratore;

b) il tacito rinnovo del contratto con il lavoratore in caso di ulteriore affidamento del servizio alla ditta ,

c) che alla fine dell’affidamento alla ditta alla quale va in utilizzo (ad es. messina servizi beni comuni), il lavoratore, verra’ ritrasferito in capo alla srr messina area metropolitana, che ne manterra’ lo status giuridico, cosi come previsto dalla legge regionale 9/2010

d) a seguito delle verifiche di competenza della s.r.r. in merito alla posizione e ai diritti acquisiti dai lavoratori si applicheranno, in quanto compatibili, le disposizioni poste a garanzia del lavoratore dall’art. 20012 delc.c.

e) il lavoratore manterra’ le condizioni economiche – normative acquisite.

A seguito degli accordi raggiunti tra Fit – Cisl, Uil trasporti – Fiadel Messina, oggi i lavoratori del cantiere di taormina, in forza alla messina ambiente spa in liquidazione, sono stati assunti dalla s.r.r. Messina area metropolitana e verranno concessi in utilizzo alla Mosema spa, societa’ che ha avuto affidato il servizio nel comune di Taormina. Fit – Cisl, Uil trasporti – Fiadel messina ritengono che, avendo rispettato quanto disposto dalla l.r. 9/2010 e concertato all’ispettorato del lavoro (cioe’ l’assunzione alla s.r.r. e poi la concessione in utilizzo alla ditta a cui le a.r.o. affidano il servizio), ai lavoratori e’ stata garantita la maggior tutela possibile anche rispetto a quanto previsto dal ccnl di settore. Fit – Cisl, Uil trasporti – Fiadel Messina invitano le parti in causa a procedere con celerità e invitano i lavoratori a prestare attenzione a chi affidano la tutela dei propri diritti. e’ stato un atto totalmente devastante – secondo Fit Uilt e Fiadel – quello di fare firmare ai lavoratori di ato me 3 un documento con la richiesta di evadere la normativa. Fit – Cisl, Uil trasporti – Fiadel Messina, che fino alla fine hanno voluto, condiviso, supportato e riconosciuto il lavoro svolto dall’Ispettorato del lavoro, nel ritenersi soddisfatti del risultato ad oggi ottenuto a tutela dei diritti di centinaia di lavoratrici e lavoratori, sono consapevoli che ancora il lavoro è da completare, per tanto invitano le parti in causa ad accelerare le procedure e auspicano che finalmente chi ha alimentato inutili polemiche di taccia di fronte all’evidenza dei fatti”- scrivono in una nota FIT CISL – UIL TRASPORTI – FIADEL IGIENE AMBIENTALE.