Sicilia, Sarti: “le Procure e le forze dell’ordine trasmettano al più presto le loro risultanze sui candidati alle Regionali alla commissione Antimafia”

Sicilia, Sarti: “le Procure e le forze dell’ordine trasmettano al più presto le loro risultanze sui candidati alle Regionali alla commissione Antimafia”

Seggio elettorale - foto LaPresse

Seggio elettorale – foto LaPresse

Le Procure siciliane e le forze dell’ordine “trasmettano al più presto le loro risultanze sui candidati” alle Regionali in Sicilia alla commissione Antimafia.  “I cittadini hanno diritto di sapere chi votano e noi sappiamo che i cosiddetti impresentabili sono ben più di quelli che già conosciamo”, spiega Sarti. “Siamo consci – aggiunge – di quanto siano oggi oberati gli uffici giudiziari e dei gravi problemi inerenti alla mancanza di centralizzazione e aggiornamento dei dati sui casellari giudiziali ma siamo di fronte ad una questione civica che deve avere la massima priorità”. “Quello che sta accadendo in Sicilia è gravissimo. Le attuali leggi non consentono di bloccare la candidatura di impresentabili proprio come lo era il sindaco di Priolo, a sostegno di Musumeci e oggi arrestato. La Severino purtroppo non basta”.” Mi auguro – aggiunge – che si unisca all’appello anche la stessa presidente Rosy Bindi, prima che sia troppo tardi. I siciliani hanno il diritto di sapere e la politica ha il dovere di intervenire, in tempi celeri e certi”.