Regionali Sicilia, bufera sulle dichiarazioni di Faraone. Armao: ” per il PD più Stato al Sud perché affetti da minorità culturale”

Il vicepresidente designato della Regione Siciliana del centrodestra Armao, commenta le dichiarazioni rilasciate a Repubblica dal sottosegretario Faraone: “Le sue gravi affermazioni svelano le ragioni che hanno ispirato lo smantellamento della autonomia finanziaria della Sicilia da parte di Crocetta e Baccei

gaetano armaoLe gravi affermazioni del sottosegretario Davide Faraone dimostrano il reale orientamento centralista e antiautonomista del PD, ma soprattutto svelano le ragioni che hanno ispirato lo smantellamento della autonomia finanziaria della Sicilia da parte di Crocetta e Baccei“. Così Gaetano Armao, vicepresidente designato della Regione Siciliana del centrodestra e leader del Movimento dei SicilianIndignati, a proposito delle dichiarazioni rilasciate a Repubblica dal sottosegretario Faraone. Armao fa riferimento “agli accordi che hanno fatto perdere ai siciliani almeno 10 miliardi di euro, alle rinunce dei contenziosi favorevoli, al più che raddoppio del contributo al risanamento della finanza pubblica (1,3 miliardi di euro), all’aumento del 41% del debito“. “Per il centrosinistra – ha concluso Armao – meno Stato al nord, più Stato al Sud perché saremmo affetti da minorità culturale, mentre proprio loro con incapacità hanno determinato lo smantellamento dello Statuto e devastato la Regione. Hanno perduto il referendum costituzionale, perderanno anche le elezioni regionali 2017. I popoli vanno verso il federalismo e l’Europa delle Regioni“.