Reggio Calabria, ragazzino di 17 anni muore misteriosamente ai Riuniti [DETTAGLI]

Reggio Calabria scossa da una tragedia terribile: 17enne perde la vita in modo misterioso agli Ospedali Riuniti

LaPresse/ Adriana Sapone

LaPresse/ Adriana Sapone

Nessuno sa dire cosa ha avuto. Nessuno riesce a capire cosa sia successo. L’unico fatto di questa triste storia è che oggi, agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, un ragazzino di 17 anni è morto nel reparto di Rianimazione. I familiari sono disperati e arrabbiatissimi perché nessuno sa dirgli cosa sia accaduto, cos’abbia avuto il ragazzo che fino a qualche settimana fa era sano e pieno di vita. Non aveva mai avuto problemi di salute il giovane 17enne reggino, e a settembre aveva regolarmente iniziato la scuola. Poi i primi malori intorno al 23 Settembre: dolore addominale e vomito. Un primo ricovero ai Riuniti, gli esami e i controlli di rito fino alle dimissioni perché non si riscontra “alcuna patologia”. Dopo pochi giorni il ragazzino sta male nuovamente e i familiari lo riportano in Ospedale: ai dolori e al vomito si aggiunge anche la colorazione rossastra dell’urina. Il ragazzo rimane sempre cosciente e collabora con lo staff medico spiegando i propri malesseri. Ma la situazione si aggrava e dai vari esami effettuati (prelievi, tac total body ecc. ecc.) non sembrano emergere anomalie. Il giovane non riesce più neanche ad andare in bagno, ma dai medici arriva il responso che oggi alimenta la rabbia dei familiari: “è una questione psicologica”. Queste le parole trasmesse ai parenti della vittima, che effettivamente viene spostato nel reparto di neurologia dove viene assistito da psicologi e psichiatri. Più volte arriva l’invito alle dimissioni: “potete riportarlo a casa”, ma la madre si oppone e non firma il foglio delle dimissioni. “Come faccio a portarlo a casa in queste condizioni?”. Passano i giorni e la situazione si aggrava. Il problema, però, non è mentale bensì fisico: il 17enne non riesce più ad alzarsi in piedi e a camminare, perde l’uso delle gambe e poi nei giorni scorsi ha lamentato anche la perdita della vista. “Diceva che non vedeva più nulla, a tratti, e che vedeva tutto doppio e sbiadito quando riusciva a vedere qualcosa” singhiozza in lacrime la madre. Ieri la situazione è precipitata e il giovane è stato trasportato in Rianimazione, ma era ormai troppo tardi. Soltanto l’autopsia potrà chiarire cosa sia successo al 17enne vittima di una morte misteriosa che scuote tutta la città. La sua famiglia merita piena chiarezza sulla vicenda.

Reggio Calabria, 17enne morto ai Riuniti: scatta la denuncia della famiglia. Ancora attesa per l’autopsia