Reggio Calabria, la destra chiede chiarezza sui bilanci dell’amministrazione Falcomatà [FOTO, VIDEO e INTERVISTE]

  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
/

A Reggio Calabria il Movimento Nazionale per la Sovranità e Noi con Salvini hanno tenuto una conferenza stampa dal titolo “I conti degli impostori”

movimento per la sovranità

Foto Strettoweb / Simone Pizzi

Si è tenuta questa mattina  alle ore 11,00, presso la sede del Movimento Nazionale per la Sovranità a Reggio Calabria una conferenza stampa dal titolo “I conti degli impostori“, a seguito della delibera della Corte dei Conti sui bilanci dell’amministrazione Falcomatà. La conferenza stampa è stata tenuta dai rappresentanti del Movimento Nazionale e di Noi con Salvini: Ernesto Siclari, Commissario Provinciale MNS; Franco Germanò, Commissario Città di Reggio Calabria MNS e Nuccio Recupero, Coordinatore Noi con Salvini. La Corte dei Conti ha infatti invitato l’amministrazione Falcomatà a far chiarezza sui conti e sulle spese perpetrate negli ultimi giorni. Il comune dovrà infatti prevedere entro 60 giorni alla risoluzione dei problemi contabili. “I conti della città sono allo sbando per evidenti responsabilità politiche e gestionali di chi governa la città. Lo certifica la Corte dei Conti che bacchetta i conti presentati dall’amministrazione di Reggio Calabria. E’ evidente che c’è un problema molto serio che mostra come sia necessario fare chiarezza sui conti dell’amministrazione. Che cosa si nasconde dietro l’incapacità di questa giunta? Speriamo che si risponda con chiarezza alle questioni poste da Corte dei Conti” ha dichiarato Germanò.