Precari ASU Sicilia, Parisi: “guarda caso la procedura per la stabilizzazione arriva alla vigilia del voto”

asu sicilia

Per il leader di Energie per l’Italia per creare lavoro in Sicilia bisogna puntare sulla tassazione differenziata

asu siciliaRosario Crocetta ha avuto 5 anni per fare provvedimenti a favore dei precari, ma guarda caso la procedura per la loro stabilizzazione arriva alla vigilia del voto”. Cosi Stefano Parisi, leader di Energie per l’Italia. “Non ce l’abbiamo  – spiega Parisi – con chi è in difficoltà perché vittima di una instabilità gravissima, ma con chi sfrutta questa situazione per opportunismo politico.  E speriamo che nella fretta di accontentare ‘portatori di voti’ i precari non vengano parcheggiati negli enti pubblici senza una precisa collocazione e mortificando le loro professionalità”. “Lo dico con molta chiarezza: il problema disoccupazione va risolto in maniera strutturale, tagliando spesa improduttiva e burocrazia e destinando le risorse allo sviluppo, cioè alle imprese, alle infrastrutture, alla formazione. Energie per l’Italia ha un progetto per il Sud che prevede una tassazione differenziata e, ripeto, meno burocrazia”. “Occorre inoltre attivarsi  – conclude Parisi – per il controllo del territorio, garantendo sicurezza a chi opera e a chi vuole investire in Sicilia. Solo così si attraggono nuovi investimenti e si crea nuova occupazione”.