Pornografia minorile: arrestato giudice, ecco le parole di Marziale

Pornografia minorile: arrestato giudice. Marziale: “non necessariamente un uomo che detiene materiale pedopornografico passa all’abuso dei minori, ma non per questo la sua condotta è meno grave”

marziale“Non necessariamente un uomo che detiene materiale pedopornografico passa all’abuso dei minori, ma non per questo la sua condotta è meno grave, perché di fatto alimenta l’offerta di un mercato milionario, costruito sulla pelle di bambini talvolta piccolissimi, in tenera età”. E’ quanto afferma Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, in relazione all’arresto di un magistrato della Corte d’Appello in servizio presso il Tribunale di Reggio Calabria. “Il fatto che a commettere tale reato sia un uomo delle istituzioni preposte, invece, a perseguirlo – evidenzia il sociologo – suscita raccapriccio e rabbia, perché il suo agire compromette la fiducia della gente e getta discredito sulla categoria di appartenenza. Pertanto – conclude il Garante – la pena, fermo restando la presunzione d’innocenza dovuta a chiunque, deve essere ferma e scevra da condizionamenti di sorta, al cospetto del più turpe dei crimini contro l’umanità debole e indifesa”.