Oliverio a Lamezia nella sede della Comunità Progetto Sud di Don Giacomo Panizza

Il Presidente Oliverio a Lamezia, nella sede della Comunità Progetto Sud di Don Giacomo Panizza per la cena che ha visto presente la chef e autrice Lidia Bastianich

oliverio a rovito5Una occasione bella,  ed importante, nata, e vissuta,  per sottolineare le connotazioni  positive di una terra anche  attraverso il suo cibo, elemento culturale, portatore di valori. Così-  è scritto in un comunicato dell’Ufficio stampa della Giunta- , la cena voluta dal Presidente della Regione Mario Oliverio, ieri sera a Lamezia Terme, nella Comunità Progetto Sud di Don Giacomo Panizza, quella stessa realtà oggetto di ripetuti atti intimidatori che nel tempo non ne hanno tuttavia fermato né scoraggiato l’azione,  presente Lidia Bastianich, la chef, imprenditrice, autrice e conduttrice televisiva conosciuta in tutto il mondo e testimonial nel mondo stesso dell’enogastronomia  calabrese, dei prodotti che peculiarmente la sostanziano e la rendono riconoscibile. Per gli ospiti, cucinati, benissimo, nel rispetto della  tradizione dai ragazzi della Comunità  Progetto Sud, prodotti da coltivazioni biologiche, offerti alla tavola dalle donne della Cooperativa ” Le Agricole” che rendono fertili e fruttuosi i terreni confiscata alla ‘ndrangheta. Menu eccezionale, come la serata che raccolto gli ospiti  per condividere il cibo, ed insieme il coraggio, l’impegno, testimoniando sostegno. “ Non a caso- ha detto il Presidente Oliverio-  abbiamo scelto di essere qui con Don Giacomo Panizza, con la sua comunità,  perché questo è un luogo di accoglienza. Ringrazio Lidia Bastianich per essere con noi stasera. Questa è la Calabria vera, la Calabria positiva, la Calabria che non vuole lasciare indietro nessuno che anzi, rispetto alla sofferenza, ha un’attenzione particolare. Noi abbiamo voluto portare proprio qui Lidia- ha sottolineato ancora- , perché oltre conoscere la qualità dei prodotti calabresi, della quale lei è stata ed è tuttora una formidabile ambasciatrice, perché ha una autorevolezza riconosciuta a livello internazionale. Negli Stati Uniti è un punto  di riferimento importante;  nei suoi programmi ha trasmesso la qualità delle produzioni calabresi, le stesse ricette,  che sono presenti nel suo ultimo libro, fresco di stampa. Noi abbiamo avuto quest’anno un’attenzione internazionale anche grazie a lei ed  alla sua capacità di proiettare la Calabria, la sua qualità, la sua enogastronomia.  Lidia ha visitato la  nostra regione,  l’ha conosciuta a fondo, anche attraverso incontri con le comunità, con le tradizioni enogastronomiche che in ogni luogo ha avuto modo di approfondire; qui conosce la Calabria ancora più in profondità, la Calabria di don Giacomo, della sua comunità, una terra che non è indifferente e vuole essere accogliente, promuovere il territorio e anche la sua anima.” “Siamo qui- ha poi evidenziato Oliverio-  anche qui per dire che don Giacomo non è solo e che è sostenuto dalle istituzioni, dalle comunità, dalla stragrande maggioranza dei calabresi. Proprio oggi- ha informato-  sono stato in Parlamento, ospite alla Commissione Antimafia per un confronto con i presidenti di altre regioni, per mettere in rete le istituzioni e contrastare la criminalità. Don Giacomo sa bene che siamo qui, vicini a lui,  e insieme a tanti e tanti calabrese;  stiamo combattendo una battaglia per estirpare la malapianta della criminalità , che  ha prodotto solo danni alla Calabria. La buona politica, quella che serve, quella che mette al centro il bene comune deve porre come prioritario il contrasto e la lotta alla criminalità organizzata. Ecco il senso della nostra presenza a fianco di don Giacomo.” Nella serata, positivamente colpita Lidia Bastianich. “E’ una impressione straordinaria- ha voluto partecipare-;  è un calore dentro al cuore vedere questi ragazzi così entusiasti e questa organizzazione. Questa gente, queste persone che hanno più bisogno, sono le più importanti della nostra società, pronte a farci riflettere.  Conosco la Calabria già da tempo – ha inoltre affermato -; sono stata qui anche sei mesi fa, abbiamo fatto anche delle riprese. In quella occasione ho conosciuto a fondo il prodotto e la produzione calabrese e la gente, che mi è rimasta nel cuore. Torno qui con tanto piacere.” “ Ho portato con me tanti bei ricordi” ha sottolineato, scherzando quindi : “ ho portato anche un bel caciocavallo, che è piaciuto molto , del peperoncino, un po’ di ‘nduja, prodotti, per dirlo all’americana, interessanti . Qui è una cultura vera, e credo che sia una grande opportunità di farla conoscere anche all’estero sempre più.” “ Un territorio- ha messo in rilevo-  è anche queste persone, come questi ragazzi che mi commuovono.  Ringrazio il presidente Oliverio e don Giacomo per questa grande opportunità. Continuate così. Io porto la voce di una Calabria buona, e bellissima nella sua natura, sempre più viva. Una Calabria che ha tanto da comunicare del suo popolo e tanta voglia di vivere bene, di aiutare i figli a crescere nel giusto: il mondo fuori accetta queste cose e le apprezza. Tramite il cibo viaggiano tante cose e io sono portatrice del cibo. All’estero c’è molto interesse per la Calabria.” La stessa Calabria che ha rappresentato i suoi sapori nella sala della struttura di Lamezia della Progetto Sud chiamata, significativamente, ‘Sintonia’. Una circostanza  richiamata nel suo saluto agli ospiti da  Don Giacomo Panizza che ha ricordato come sia nata l’idea della cena, subito dopo l’ultimo atto intimidatorio subito da una della realtà che fanno capo alla Comunità. “ Il Presidente della Regione mi ha telefonato dicendo: ‘devo venire a trovarvi’ e dopo due giorni ha detto: ‘veniamo, cucinate voi’. Così si fa.  Si a trovare qualcuno che è nei guai per portagli non chissà che cosa, ma a dirgli ‘sono con te’ ma anche ‘ fai qualcosa’. Si va da chi ha qualcosa da ricevere,  ma anche tanto da dare. La gente cresce quando si ha fiducia” ha sottolineato don Panizza che ha voluto ancora affermare:  “La vita grandiosa è quando c’è convivenza, quando si riesce a vivere insieme. Se ci mettiamo in sintonia, la musica riuscirà meglio”.