‘Ndrangheta: “Consenso sociale e consenso social” work shop al Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme

lia staropoliSi terrà al Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Lamezia Terme l’incontro promosso dall’Associazione “ConDivisa”, dal Movimento Antimafia “AmmazzateciTutti” e dal Liceo Scientifico “ Galileo Galilei”, dal titolo “Consenso sociale e consenso social”. Al Work Shop in programma il 19 Ottobre alle ore 11.00, il Procuratore Aggiunto della Procura della Repubblica di Cosenza Marisa Manzini, i vertici dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato e i rappresentanti delle Associazioni promotrici, spiegheranno agli studenti come sottrarsi alle lusinghe della ‘ndrangheta che ormai si nascondono anche sui social network. In una realtà satura di mentalità mafiosa, il cyber bullismo incontra il consenso della ‘ndrangheta e la ‘ndrangheta promuove l’azione criminale del cyber bullismo servendosi di giovanissimi ma anche di adulti senza scrupoli. Interverranno, la Preside del Liceo Prof.ssa Teresa Goffredo, il Pubblico Ministero Dott.ssa Marisa Manzini, il Primo Dirigente del Commissariato di Lamezia Terme Dr. Marco Chiacchera per la Polizia di Stato e i rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, modererà il Work shop Lia Staropoli, Presidente dell’ Associazione “ConDivisa”, che spiega: <<Nei territori ad altissima densità mafiosa ci proponiamo di formare, gratuitamente, i cittadini alla legalità e al senso del dovere, raccontando i sacrifici quotidiani degli uomini e delle donne delle Forze dell’Ordine e dei Magistrati per difendere la Sicurezza sul nostro territorio. Nonostante la sincera gratitudine da parte dei cittadini onesti nei confronti delle Forze dell’Ordine, la ‘ndrangheta attraverso il “consenso sociale” continua a tenere in ostaggio interi territori , con metodi subdoli ed efficaci, persino per mezzo dei social network, ostentando consensi e tentando di aumentare il divario tra cittadini e Forze dell’Ordine, attraverso una sistematica e strisciante delegittimazione nei confronti dei Servitori dello Stato e di coloro che contrastano realmente il consenso sociale. A questo proposito l’Associazione “ConDivisa” istituisce l’Osservatorio con la collaborazione di un team di esperti con competenze specifiche, eccellenze nei settori di appartenenza, una “Task Force” composta da Magistrati, Forze dell’Ordine, operatori nel campo della “Cyber Security”, giornalisti, psicologi, rappresentanti di associazioni antimafia, che monitoreranno costantemente gli spazi virtuali interessati ed elaboreranno i criteri d’ individuazione del fenomeno e le proposte di legge per neutralizzare il pericolo sui social, un luogo virtuale frequentato assiduamente da giovanissimi, talvolta indifesi. Preziosissimo è il contributo della Dott.ssa Marisa Manzini, Magistrato in prima linea nella lotta alla’ndrangheta, che da sempre, conosce e contrasta il fenomeno mafioso con determinazione. Fra gli specialisti tecnici, possiamo contare anche sulla competenza del Dr. Gianni Cuozzo, Fondatore e Amministratore di “Aspisec” società italiana operante nel campo della “Cyber Security”. Esperto di “Cyber Warfare” e “Cyber Intelligence”. Anche questo anno>> Conclude la Staropoli: “Opereremo nelle scuole gratuitamente, il primo appuntamento al Liceo “Galilei” il 19, che inaugura un ciclo di work shop formativi, e l’adesione del “Galilei” al progetto di “ConDivisa”, il mese prossimo saremo a Vibo Valentia al Liceo Scientifico “G. Berto”, seguiranno una serie di iniziative in Calabria e nelle altre Regioni, incentrate sulla Sicurezza, il bene più prezioso per i cittadini”. “Credo fermamente nell’opera di prevenzione / formazione della scuola>> – Dichiara la Preside Teresa Goffredo, nell’annunciare l’adesione del Liceo Scientifico “Galilei” al progetto gratuito di “ConDivisa”: << Trovo necessaria la collaborazione tra Istituzioni e Associazioni e nel fare rete con il territorio. Per mirare, conclude, soprattutto verso obiettivi formativi comuni e per non disorientare i giovani”.