Messina: si è svolto oggi l’Eye contact Experiment

Si è svolto oggi, 5 ottobre 2017, l’Eye contact Experiment, un evento di natura sociale promosso dal Rotaract Club Stretto di Messina

Logo_Rotaract_ClubLa Piazza Duomo di Messina teatro dell’esperimento sociale del momento. Si è svolto oggi, 5 ottobre 2017, l’Eye contact Experiment, un evento di natura sociale promosso dal Rotaract Club Stretto di Messina. L’evento che ha coinvolto persone di tutte le età, dai ragazzi, erano presenti universitari, alle persone più mature, si è svolto innanzi al sagrato del duomo di Messina. Sono le ore 17, i ragazzi iniziano a palesarsi sulle diverse estremità della grande piazza duomo, sono una cinquantina, di tutte le età, culture, estrazioni sociali. Ragazzi attratti dalla novità, non solo messinesi, ma anche diversi provenienti dalla provincia, Milazzo, Capo D’Orlando, Patti, Barcellona Pozzo di Gotto, tutti per capire di cosa si tratti realmente, dopo i proclami del web si passa all’azione. Un primo gruppo di ragazzi si siede innanzi alla cattedrale di Messina, attende che i primi sconosciuti si accomodino, si siedano. Lo sguardo, un incrocio di sguardi e poi via, si inizia a parlare. Diverse le esperienze e diverse anche le impressioni “io onestamente non sapevo bene di cosa si trattasse ma è stato bellissimo” dice Giovanna appena finito l’esperimento. “Io non riesco a guardare negli occhi e mi sono sentito tremendamente in imbarazzo al sentirmi osservato da uno sconosciuto” afferma Aldo mentre si allontana per tornare alle proprie attività. “L’evento è riuscito molto bene, i ragazzi hanno risposto come ci aspettavamo, è stato un piccolo passo per riavvicinare la gente al mondo reale, ci abbiamo provato, l’esperimento possiamo dire che sia riuscito ma si può migliorare” afferma Gloria Franchina, Segretaria del Club Stretto di Messina e principale promoter dell’evento. “Riaffermare il primato dello sguardo dell’uomo sulla tecnologia è il primo passo per una società più sana che affronta i problemi guardandosi negli occhi senza rifugiarsi nell’immaginazione degli smartphone” dichiara Roberta Federico, Past President del Club Stretto di Messina “speriamo di aver contribuito con questa attività a ridurre il gap comunicativo di cui spesso siamo vittima noi giovani”.