L’Associazione “Basta Vittime sulla SS106”: “Ciminelli in catene fino a quando non otterrà quanto richiesto”

ciminelli-300x160L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, nel rispetto delle legittime posizioni di tutti, è “assolutamente certa che il progetto del 3° Megalotto della S.S.106 tra Sibari e Roseto non comporti alcun pericolo per i “terrazzi marini” presenti nel Comune di Amendolara. L’Associazione informa tutti i cittadini calabresi che è stata già superata e conclusa la fase in cui era possibile modificare e migliorare il progetto: nel 2014 c’è stata da parte dei Ministeri una grande fase di ascolto e di confronto culminata in ben due Conferenze dei Servizi in luglio. Sarebbe stato opportuno che quanti volevano e potevano modificare e migliorare il progetto lo avessero fatto in quella fase ormai superata e, lo ripetiamo, definitivamente conclusa. L’Associazione rende noto che allora ha esercitato la sua azione propositiva ottenendo l’accoglimento di tutte le modifiche proposte. Un vero ed autentico successo di cui ovviamente andiamo fieri. L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” pertanto rispetta la scelta del Sindaco di Amendalora Ciminelli di volersi incatenare con la convinzione che egli debba, con coerenza, continuare questa protesta – che non condividiamo ma rispettiamo – fino a quando non saranno accolte tutte le sue istanze. Una interruzione della protesta (fino alla fine dei lavori di ammodernamento della S.S.106 tra Sibari e Roseto), prima che siano accolte le richieste avanzate dal Sindaco Ciminelli, risulterebbe ai mal pensanti, semplicemente un tentativo populistico, demagogico e propagandistico a cui ci ha purtroppo abituati la peggiore politica in Calabria”.